Lukaku-Ibrahimovic, dopo la lite nel derby aperta inchiesta federale

Coppa Italia
Lorenzo Fontani

Lorenzo Fontani

©Ansa

Il procuratore federale Giuseppe Chinè ha aperto questa mattina un'inchiesta sullo scontro tra Ibrahimovic e Lukaku nel derby di Coppa Italia. Nell'ambito dell'indagine, Chinè ha convocato l'arbitro Valeri che verrà ascoltato. I due giocatori erano già stati squalificati per un turno a testa

FIORENTINA-INTER LIVE

UN TURNO DI SQUALIFICA PER IBRA E LUKAKU

Come previsto, il duello rusticano tra Ibrahimovic e Lukaku nel derby di martedì scorso non è finito con le rispettive squalifiche. La Procura Federale ha atteso le decisioni del Giudice Sportivo, una giornata a testa per doppia ammonizione a Ibra e per giallo in diffida a Lukaku, ha letto il referto arbitrale e poi ha ufficialmente aperto l'inchiesta.

Verrà ascoltato l'arbitro

L'arbitro, Paolo Valeri, nel suo rapporto infatti non ha specificato le frasi ascoltate in campo, e ora che dovrà parlarne direttamente col Procutatore non potrà che confermare quello che era già chiaro: ha ammonito i due per la lite, verbale e ai limiti del fisico, ma non ha potuto decifrare nel dettaglio gli insulti in inglese che si sono scambiati. In particolare quel riferimento ai riti vodoo poi decrittato attraverso labiali e audio.

L'art. 28 del Codice di Giustizia sportiva

Dunque, la magistratura federale può procedere perché quelle frasi non sono state già punite. L'articolo di riferimento è noto: il 28 del Codice di Giustizia Sportiva che punisce ogni forma di condotta offensiva e discriminatoria, anche indiretta, per motivi di razza, colore, religione, lingua, sesso, nazionalità, origine e condizione personale o sociale. L'eventuale violazione comporterebbe una squalifica per almeno dieci giornate - di Coppa Italia ovviamente - o a tempo determinato e che dunque coprirebbe anche le altre competizioni. Difficile immaginare che si possa arrivare a tanto entrando a fondo nell'esegesi degli insulti reciproci, ma intanto l'atto formale c'è, con piena facoltà di acquisire prove video e audio e testimonianze, a cominciare naturalmente dai due indisciplinati protagonisti.

Nel dettaglio e le sanzioni in caso di frasi razziste (art. 28)

1. Costituisce comportamento discriminatorio ogni condotta che, direttamente o indirettamente, comporta offesa, denigrazione o insulto per motivi di razza, colore, religione, lingua, sesso, nazionalità, origine anche etnica, condizione personale o sociale ovvero configura propaganda ideologica vietata dalla legge o comunque inneggiante a comportamenti discriminatori.

 

2. Il calciatore che commette una violazione di cui al comma 1 è punito con la squalifica per almeno dieci giornate di gara o, nei casi più gravi, con una squalifica a tempo determinato (...).

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche