Conte: "Inter? Ho dato tutto, il mio progetto non è mai cambiato"

Serie A
©LaPresse

L'ex allenatore nerazzurro alla Gazzetta dello Sport: "I tifosi per strada mi dimostrano affetto, stima e gratitudine. Il loro dispiacere e quel "grazie mister che mi viene rivolto vale per me quanto uno scudetto. Rispetto Zhang e faccio un sincero in bocca al lupo a Simone Inzaghi". E sulla Nazionale: "Mancini ha creato un gruppo convinto, entusiasta e coeso. Ci auguriamo possa arrivare il più lontano possibile"

Il ritorno a Milano ha un sapore diverso per Antonio Conte. L'allenatore ha fatto tappa in città, per la prima volta da ex dell'Inter. "Ho dato tutto, la gente lo sa" ammette Conte in una lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. Gli attestati di stima da parte dei tifosi sono il ricordo che l'allenatore porta nel cuore dopo la vittoria dello scudetto con i nerazzurri: "Fino a pochi giorni fa stavamo festeggiando lo scudetto, ma il velo di tristezza e malinconia è stato immediatamente sostituito dalla soddisfazione di incontrare tanti tifosi che per strada mi dimostrano affetto, stima e gratitudine: il loro dispiacere e quel "grazie mister" che mi viene continuamente rivolto vale per me quanto uno scudetto. È la consapevolezza della gente di cosa è stato fatto, di quanto impegno e dedizione ho messo in questi anni, dell'enorme lavoro svolto insieme per riportare club, squadra e tifosi dove meritavano di stare".

"Progetto? Mai cambiato, rispetto Zhang"

approfondimento

Zhang: "Con Conte avevamo visioni diverse"

Proprio in merito all'addio all'Inter, Conte ha risposto al presidente nerazzurro, Steven Zhang, che aveva parlato di idee diverse con l'allenatore: "Il mio progetto non è mai cambiato, per me non avrebbe senso parlare ora di queste cose. Rispetto il presidente Zhang che ringrazio per avermi scelto, voglio bene all'Inter, alla squadra e ai tifosi, faccio un sincero in bocca al lupo a Simone Inzaghi che è un tecnico bravo, capace, ambizioso e auguro a tutto il mondo nerazzurro i migliori successi".

"Italia, si inizia con il vento in poppa"

leggi anche

Makkelie per Italia-Turchia, Frappart quarto uomo

Conte ha parlato anche della Nazionale. L'allenatore ha speso parole d'elogio nei confronti di Mancini e degli azzurri in vista dell'esordio agli Europei contro la Turchia: "Intorno alla Nazionale c'è più entusiasmo rispetto alla mia in virtù anche dei 27 risultati consecutivi e delle tante ottime prestazioni. C'è autostima, fiducia e si inizia con il vento in poppa. Mancini sta facendo un grandissimo lavoro, non lo dicono solo i risultati: è riuscito a creare un gruppo convinto, entusiasta, coeso. Un collettivo che ci crede e dà tutto. Non è semplice. Ci auguriamo che la Nazionale possa arrivare il più lontano possibile, poi una volta superata la fase a gironi bisogna essere anche fortunati negli incroci. A quel punto può succedere di tutto. Favorite oltre l'Italia? Francia e Germania in prima fila. Subito dietro Belgio, Spagna, Portogallo e Inghilterra".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche