Lazio-Atalanta, Sarri: "Problemi anche noi, i 120' di Coppa ci hanno tolto brillantezza"

lazio
©Getty

L'allenatore della Lazio analizza il match pareggiato contro l'Atalanta e parla anche di futuro: "Anche noi abbiamo i nostri problemi, i 120' con l'Udinese hanno pesato perché è mancata brillantezza nella fase offensiva. Il contratto? In queste settimane Lotito ha avuto problemi più importanti ma io qui mi sento a casa"

Maurizio Sarri non è soddisfatto per il risultato ottenuto con l'Atalanta (0-0), analizza il match e prova a vedere quello che di buono ha mostrato la sua Lazio: "L'Atalanta aveva delle grandi difficoltà, ma noi avevamo cinque giocatori fuori con due rientrati ieri - dice - Anche noi abbiamo i nostri problemi. Abbiamo fatto a meno di sette giocatori e abbiamo fatto una buona partita tatticamente. C'è mancata brillantezza e nella ripresa hanno pesato i 120' giocati con l’Udinese". Una Lazio che non subisce gol da tre partite ma che oggi ha faticato in fase di finalizzazione: "Offensivamente, negli ultimi venti metri, abbiamo faticato ma fin lì abbiamo fatto bene con qualità e palleggio. Nella zona di campo dove serve brillantezza fisica abbiamo pagato qualcosa - spiega ancora - L’Atalanta i difensori li aveva e per la partita fatta hanno fatto molto comodo. Felipe Anderson non attacca molto l’area, anche Zaccagni per caratteristiche non lo fa. Il rientro di Pedro ci aiuterebbe molto".

"Il contratto? Lotito ha avuto problemi più importanti"

vedi anche

Lazio-Atalanta 0-0, gli highlights

Quanto al futuro e a Sarri come parte integrante del progetto Lazio: "Le società sono fatte di persone e questa società è fatta di persone con cui sto bene - ammette -  Tutti, dagli addetti a Formello agli altri. Mi sento a casa. Lotito? Lui si disinteressa dell’aspetto tattico, a me non ha mai chiesto niente. Si interessa se funzionano le cose accessorie, ma non l’ho mai sentito parlare di un giocatore. Il contratto? Non l’ho ancora avuto sotto il naso, ma nell’ultimo mese il presidente ha avuto diversi problemi, forse più importanti".