Caricamento in corso...
15 luglio 2017

Palermo, Ingegneri: "Serie A? I presupposti ci sono tutti"

print-icon
Ingegneri, nuovo difensore del Palermo

Ingegneri, nuovo difensore del Palermo

Parla il nuovo difensore rosanero: "Il Palermo è un treno che passa una sola volta e l'ho preso al volo. Tedino può dare una ventata di aria fresca e nuove motivazioni. La squadra è forte, già in due allenamenti si vede la qualità"

Dopo due anni a Pordenone, ora il salto in Serie B. E' Andrea Ingegneri il primo rinforzo richiesto da Tedino per il suo Palermo. L'allenatore ha voluto fortemente portare con sé il difensore, diventato suo pupillo proprio a Pordenone. E per Ingegneri la grande opportunità del ritorno in Serie B tre anni dopo l'esperienza al Cesena: "Ho avuto Tedino già per due anni e so cosa vuole, è un grande lavoratore, predilige il calcio offensivo – ha dichiarato in conferenza stampa lo stesso Ingegneri - La B l'ho sfiorata col Pordenone per due volte, la chiamata del Palermo è stata uno stimolo in più, sono molto motivato per questa ragione. Quando mi è stata comunicata la possibilità di venire a Palermo non ci ho pensato due volte, è un treno che passa una sola volta e l'ho preso al volo. Tedino può dare una ventata di aria fresca e nuove motivazioni, sin dai primi allenamenti si è visto cosa pretende".

"Promozione? Ci sono tutti i presupposti"

Dopo la retrocessione, il Palermo punta subito a risalire in Serie A. "I presupposti ci sono tutti: la squadra è forte, ma già in due allenamenti si vede la qualità – prosegue Ingegneri - Fare nomi sarebbe riduttivo per tutti gli altri, ma i presupposti per fare bene ci sono tutti. Penso a fare bene sul campo, a mettere Tedino in difficoltà nelle scelte. Il resto mi preoccupa poco. Mi adatto alle sue esigenze, ho giocato a tre anche a Cesena. Sono un centrale esplosivo, posso adattarmi. Trovare l'intesa con compagni di questo livello è facile, anche grazie a loro sto trovando la giusta collocazione. I compagni di squadra? La conoscenza è ancora molto vaga, ma per dirne qualcuno parlo spesso con Rispoli e Goldaniga. Sono talmente forti che spero che rimangano, poi vedrà la società. Zamparini? L'ho conosciuto, mi ha fatto un'ottima impressione".