12 ottobre 2017

Ascoli, Rosseti: "Con Novara e Salernitana meritavamo di più"

print-icon
Lorenzo Rosseti

Lorenzo Rosseti, attaccante dell'Ascoli (fonte Facebook Ascoli)

Parla l'attaccante bianconero: "Il rigore sbagliato a Salerno? Neanche conoscevo il portiere, non aveva mai giocato. E' presto per dire se i punti che abbiamo in classifica rispecchino quanto mostrato in campo, ma una cosa è certa: con Novara e Salernitana avremmo meritato di più"

Tre risultati utili consecutivi per l'Ascoli, reduce dalla vittoria di Cesena e dai pareggi contro Palermo e Salernitana. I bianconeri di Fiorin vogliono proseguire la striscia positiva anche contro il Venezia. Di questa partita ha parlato anche Lorenzo Rosseti, che è tornato sul rigore paratogli dal portiere Adamonis della Salernitana. "Non conoscevo il portiere avversario perché fino a quel momento non aveva mai giocato – ha dichiarato l'attaccante dell'Ascoli - Probabilmente ho sbagliato ad attendere troppo, ho guardato l'arbitro e forse mi sono un po' deconcentrato. Comunque a Salerno abbiamo avuto le nostre occasioni e dobbiamo ripartire da quelle in vista del match col Venezia. E' presto per dire se i punti che abbiamo in classifica rispecchino quanto mostrato in campo, ma una cosa è certa: con Novara e Salernitana avremmo meritato di più. Cerchiamo sempre di giocare per vincere e lo faremo anche sabato, sta a noi riprodurre in campo quanto gli allenatori ci spiegano in settimana. Lo staff tecnico ha un'idea di gioco che ci sta trasmettendo, ci vuole un po' di pazienza a trovare gli spazi, ma le occasioni ci capitano lo stesso e bisogna essere bravi a sfruttarle".

"Coppia con Favilli? Deciderà l'allenatore..."

"In coppia con Favilli? Come impiegarmi lo decide l'allenatore – prosegue - Se dovesse giocare Andrea sarò contento per lui, se giocherò io, cercherò di farmi trovare pronto. Se ho 90' nelle gambe? Sì, ci sono, ma è normale che, se lavori tanto per la squadra, ad un certo punto della gara puoi accusare un po' di stanchezza e chiedere il cambio. Col Venezia dovremo avere pazienza, è una squadra che ha incassato pochi gol e che difende con tutti gli uomini dietro la linea della palla; noi dovremo aspettarli e sfruttare le occasioni che ci capiteranno. Obiettivo personale? Sono contento intanto di stare bene dopo l'infortunio che ho avuto; cerco di dare sempre il meglio per la squadra, se poi arriveranno anche i gol, meglio. Se mi vedo nel futuro dell'Ascoli? Ho un contratto di quattro anni e l'intento è quello, ad Ascoli sto benissimo e la Società è importante".

I PIU' VISTI DI OGGI