Cipollini a Casa Sky Sport: "Pantani ancora una ferita aperta. Voglio aiutare le persone"

casasakysport

Ospite a Casa Sky Sport, l'ex campione del mondo di ciclismo ha parlato del suo rapporto con il mitico Marco Pantani: "Era una persona straordinaria, era parte dell'Italia". Cipollini sarà protagonista a Pasqua di Giro Legends, iniziativa benefica a favore della Croce Rossa: "Voglio aiutare le persone che mi hanno reso un campione"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Mario Cipollini è stato ospite a Casa Sky Sport, dove ha parlato dell'iniziativa Giro Legends, che coinvolge oltre al 'Re Leone', altri grandi ex per una gara 'virtuale' all'insegna della beneficenza: "Quando facevano vedere la cartina dell'Italia con i puntini dei focolai del Covid, sembrava la carta del Giro - ha spiegato l'ex velocista toscano -. E' stato facile pensare che il ciclismo avrebbe dovuto fare qualcosa. Milano è la sede del ciclismo, dalla Sanremo all'arrivo del Giro. Bergamo è una città che ama il ciclismo, che ha dato i natali a un certo Felice Gimondi. Abbiamo pensato di dover aiutare chi ci ha permesso di diventare campioni. Abbiamo messo in piedi questa cosa straordinaria, insieme alla Gazzetta, per permettere agli appassionati di essere coinvolti in qualcosa di benefico". Il ciclismo è sempre stato uno sport eroico, per certi versi, anche nei momenti di massima difficoltà del Paese: "Il ciclismo ha sempre aiutato la storia d'Italia. Ricordiamo per esempio Bartali, che nel 1948 quando ci fu l'attentato a Togliatti, placò gli animi per una possibile guerra civile. E' giusto aiutare le persone che hanno bisogno, perché é grazie a questi tifosi che noi siamo diventati campioni". 

Cipollini: "Pantani era parte dell'Italia"

Cipollini ha poi parlato del suo rapporto con Marco Pantani: "Pantani è una ferita ancora aperta: era una persona con un cuore grandissimo, aiutava tutti - ha detto -. Anche negli ultimi anni di carriera si era portato con sé persone in difficoltà, era molto sensibile. Non sappiamo ancora la verità, abbiamo perso una persona straordinaria, che scaldava i cuori delle persone. Era una parte dell'Italia. Qualche pezzo di bandiera l'abbiamo costruita insieme al Tour, quando io vincevo le volate e lui indossava la maglia gialla di leader". L'emergenza coronavirus ha fermato il ciclismo, dalle Classiche al Giro. Cipollini però pensa oltre: "Sono molto preoccupato per il ciclismo giovanile - ha detto -. Penso che i professionisti riusciranno a salvarsi, dietro ci sono compagnie potenti che non faranno mancare gli investimenti. Non a caso le Classiche più importanti e i grandi giri potrebbero disputarsi. Per le categorie minori, invece, diventa tutto più complicato dal punto di vista economico. Quando tutto ripartirà, dovremo inventare qualcosa per aiutare il serbatoio più importante di questo sport". Sulle nuove leve azzurre, Cipollini ha un'idea: "La speranza é che ci sia qualche giovane che possa prendere il testimone dei più grandi, che però adesso militano tutti in squadre straniere. Pensiamo a Nibali, Moscon, Viviani, Trentin, Colbrelli: potrebbero formare una grandissima squadra italiana". Infine una battuta su quale vittoria abbia preferito, il Mondiale di Zolder o la Milano-Sanremo: "Sono due vittorie differenti - ha detto 'Super Mario' -. La Sanremo è la gara del cuore, l'avevo promessa a mio papà e l'ho inseguita per 14 anni. Il Mondiale è la gara che tutti sognano fin da bambino, perché la maglia iridata è quella che tutti volevano indossare. Quando a Zolder sono arrivato all'ultimo chilometro, ho addensato gli sforzi di una carriera per coronare i miei sogni". 

 

L'iniziativa benefica Giro d'Italia Legends

Il mondo del ciclismo scende in campo, o meglio sulle strade virtuali del Giro d’Italia, e si attiva per dare un contributo nella lotta contro il Coronavirus. Nel giorno di Pasqua, Cipollini, Bugno, Moser, Saronni, Garzelli, Basso, Chiappucci e molti altri grandi ex del ciclismo pedaleranno il Giro d’Italia Legends insieme agli appassionati di tutto il mondo. Si pedalerà sugli ultimi 37,4 chilometri della tappa Giovinazzo – Vieste nel Gargano. scatterà, invece, Da sabato 18 aprile scatterà, invece, il Giro d’Italia Virtual, con 7 tappe in cui si potrà pedalare anche insieme ai professionisti in attività. Il ricavato della raccolta fondi verrà devoluto alla Croce Rossa Italiana. 

CICLISMO: SCELTI PER TE