Giro d'Italia, Nibali: "E' già un successo essere al via, ma voglio lasciare un segno"

giro d'italia
©LaPresse

Vincenzo Nibali ha parlato della sua condizione fisica e del polso infortunato a due giorni dal via del Giro d'Italia da Torino: "E' già un successo essere qui. La condizione è sconosciuta, ma voglio lasciare un segno. Avrò un controllo medico dopo una settimana. Non so cosa aspettarmi, ma è una grande emozione"

GIRO 2021, TUTTE LE TAPPE

La Mole Antonelliana si colora di rosa, come la maglia più ambita dai 184 ciclisti che da sabato si daranno battaglia a colpi di pedale su e giù per il Belpaese. Con la presentazione delle 23 squadre in gara, nella cornice del Castello del Valentino, residenza sabauda e patrimonio dell'Unesco, inizia a Torino il conto alla rovescia della 104/a edizione del Giro d'Italia di ciclismo. Sabato il prologo a cronometro, 8,6 chilometri dalla centralissima piazza Castello alla Gran Madre di Dio che in pandemia sanno tanto di ripartenza, dopo l'edizione posticipata dell'anno scorso. Al via anche Vincenzo Nibali, che ha recuperato a tempo di record dall'infortunio al polso subito dopo una caduta in allenamento. Lo 'Squalo' è l'ultimo italiano ad aver vinto la Corsa Rosa nel 2016 e andrà a caccia di un difficile tris dopo il trionfo del 2013. 

"Grande emozione, è un successo essere al via"

leggi anche

Giro 2021, Nibali: "Via libera al ritorno in bici"

"Per me è la gara più bella, mi da' grandissime emozioni - ha spiegato Nibali in conferenza stampa -. Il solo fatto di essere al via è, per me, un piccolo successo. Tuttavia, il livello di condizione è sconosciuto. Le ultime settimane sono state molto difficili, sono stato dieci giorni senza pedalare, poi c'è stata la riabilitazione e solo la scorsa settimana sono riuscito ad allenarmi di nuovo in modo costante. Il risultato del controllo medico di lunedì è stato un sollievo; significa che la ripresa è stata buona. Adesso posso concentrarmi sulla gara, ma voglio viverla giorno per giorno. Non voglio - e non posso - fare proclami, tranne che voglio lasciare un segno. Anche nella mia testa non so bene cosa aspettarmi da questo Giro".

"Dopo la prima settimana avrò un controllo medico"

leggi anche

Nibali, frattura al radio in allenamento

"Ci sono diversi fattori che potranno influenzare la mia gara. Il tempo, ad esempio, può migliorare o peggiorare le sensazioni nell'area della frattura. Quello che mi conforta è che fino ad oggi, dopo tre settimane, la situazione è andata sempre meglio. È stata una ripresa veloce, grazie a una squadra che mi ha aiutato e al quale sono molto grato. Il primo passo per capire le mie ambizioni e la situazione del polso è previsto dopo la prima settimana. Probabilmente avrò anche un nuovo controllo medico. Ho bisogno di pazienza e quanta più serenità possibile".

"Non ho problemi nel pedalare"

"Ho provato diverse soluzioni per attutire gli urti durante la guida. La cosa più importante sarà mettere un nastro più morbido e forse un po 'meno d'aria nei tubolari, oltre a una benda dedicata al polso. Al momento non ho particolari problemi a pedalare, e questo è un grande sollievo. Poi, ripeto ancora, vedremo giorno per giorno come si evolve". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche