Fabio Aru: "Addio alle gare per vita meno frenetica"

Ciclismo
fabio aru

Le parole in conferenza stampa del corridore sardo, che ha appena lasciato le corse: "Voglio un futuro che mi consenta di stare più a casa. Nell'ultima squadra mi sono trovato benissimo"

Di corsa verso una vita meno frenetica: il futuro scelto sulla base delle ore da dedicare alla famiglia. Addio al ciclismo a 31 anni per Fabio Aru che vuole "un futuro che mi consenta di stare più a casa", ha spiegato a Cagliari in una lunga chiacchierata a dieci giorni dall'ultimo impegno alla Vuelta. "Non potevo stare fuori 200-230 giorni. Ora valuterò delle proposte che accetterò non prima del 2022 - spiega - Ma sarà un lavoro che mi deve tenere lontano da casa al massimo 30 giorni".

 

Con la prospettiva di allargare la famiglia. "Nel futuro vedo il matrimonio - ha raccontato - e l'allargamento della famiglia per dare a nostra figlia una sorellina o un fratellino". Tanti saluti alle gare. Ma anche ieri Aru era in sella: "Mi piace fare sport ero in giro con gli amici di Villacidro. Con orari diversi rispetto a quando mi allenavo per le competizioni. Ora mi muovo in orari prima impensabili, alle 14 o alle 18. Ogni giorno faccio qualcosa". Le lezioni di una vita al vertice? Belle e brutte: "A un certo punto - ha spiegato - sono diventato un'azienda: tanti impegni anche fuori dagli allenamenti e dalle gare. Nel corso degli anni ho avuto bisogno di collaboratori pagati da  me. Qualcuno mi ha deluso, sono rimasto ferito".

 

L'eredità positiva del ciclismo: "ti insegna a non mollare mai tante volte in questi anni avrei voluto mollare ma non l'ho fatto. Mi piace ricordare l'ultima squadra: è stata la più bella. In altri team, forse e' inevitabile, ci sono cose belle, ma anche invidia. Qui mi sono sentito in famiglia: se non avessi smesso avrei continuato con loro". Un po' di nostalgia verso un altro ciclismo: "Si parla troppo di numeri - ha detto Aru - legati ai misuratori di potenza: una salita diventa un insieme di cifre. Io direi che almeno prima del professionismo possiamo fare a meno dei misuratori di potenza perché si rischia di non ascoltarsi e di perdere certe sensazioni".

 

Tante rinunce anche nella dieta alimentare, dopo il ritiro c'è stato il pasto della svolta: "Da quando ero giovanissimo non ho potuto mangiare a Natale e Capodanno come tutti gli altri: ora con gli amici abbiamo mangiato un maialetto". 

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche