Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, timori confermati: Jabari Parker out un anno

NBA
Il ginocchio sinistro tradisce ancora Jabari Parker: fuori per tutto l'anno il n°12 dei Bucks (foto Getty)

Arrivano brutte notizie da Milwaukee: di nuovo rotto il tendine crociato anteriore del ginocchio sinistro di Jabari Parker. Per il n°12 dei Bucks si parla di un anno intero di stop. 

Un tremendo giorno della marmotta: come in quella maledetta serata di dicembre del 2014 — quando contro Phoenix Jabari Parker si ruppe il crociato anteriore del ginocchio sinistro — così contro Miami lunedì scorso lo stesso infortunio ha messo di nuovo ko il n°12 di Milwaukee, che ha così chiuso anticipatamente la stagione 2016-17.  Ad annunciarlo coach Kidd, visibilmente dispiaciuto per il suo giocatore: “Il subire due volte lo stesso infortunio è qualcosa di estremamente duro da digerire. L’unico aspetto positivo è che sa già cosa lo aspetta, cosa deve fare per tornare in campo”. Magra consolazione, anche perché i Bucks devono dire addio al loro secondo miglior marcatore il giorno stesso in cui finalmente ritrovano Kris Middleton. Con Giannis Antetokounmpo, tutti e tre assieme, i cosiddetti “Big Three” in versione Milwaukee quest’anno non si vedranno mai in campo.

In crescita — Per Parker — che dall’infortunio del dicembre 2014 aveva recuperato in circa un anno, di nuovo in campo per il via della stagione 2015-16 — ora si prospettano altri 12 mesi di stop, uno stop che arresta la progressione del prodotto di Duke che in quasi 34 minuti di gioco stava viaggiando oltre i 20 punti e 6 rimbalzi di media, mettendo in mostra anche incoraggianti miglioramenti nel tiro da tre punti (36.5% su 178 tiri, contro i soli 35 tentati in tutta la scorsa stagione). Nonostante il suo contributo a livello di net rating fosse sospettosamente negativo — i Bucks soffrono (-2.5) con lui in campo, per volare (+7.5) invece quando è seduto in panchina — l’intesa almeno offensiva di Parker col suo partner in crime Giannis Antetokounmpo aveva mostrato segni di grande progresso, confermati anche dai massimi in carriera fatti registrare dal n°12 per punti, rimbalzi, assist e percentuale dall’arco. 

Alternative — A coach Kidd non rimane da far altro che provare a pescare dalla panchina il giusto rimpiazzo per l'assenza di Parker: Mizra Teletovic e Michael Beasley sono i due indiziati principali per colmare il vuoto lasciato dal 4 tattico dei Bucks, anche se una delle soluzioni potrebbe essere quella di alzare il quintetto e provare a dare più minuti anche al rookie Thon Maker o al nuovo arrivato Spencer Hawes. Di sicuro l'assenza di Parker si farà sentire, mettendo forse a repentaglio le speranze di uno sprint a Est per rientrare nelle prime otto. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport