Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, i risultati della notte: Miami si ferma a 13

NBA

Si interrompe a Philadelphia la striscia di 13 successi consecutivi degli Heat. Cleveland vince la quinta partita su sei disputate a febbraio superando Denver senza Gallinari. Vittorie agevoli per Milwaukee, Dallas e Houston, Boston vince la nona su dieci in casa di Utah

Philadelphia 76ers-Miami Heat 117-109  — Si interrompe a Philadelphia la striscia di 13 vittorie consecutive dei Miami Heat. Nonostante le assenze di Joel Embiid (nona partita saltata per un problema al menisco) e Jahlil Okafor (tenuto fermo per motivi di trade), sono ben sette i giocatori dei Sixers ad andare in doppia cifra guidati dai 19 a testa di Nerlens Noel, Robert Covington e Dario Saric. Gli Heat, che sono rimasti sotto per quasi tutta la partita, erano riusciti a riportarsi a -4 grazie ai 30 punti di Goran Dragic e il massimo stagionale da 26 di James Johnson, ma un parziale di 10-1 dei Sixers ha chiuso definitivamente la sfida, suggellata da un alley oop tra T.J. McConnell e Noel. Per la prima volta negli ultimi quattro anni Philadelphia ha raggiunto quota 20 vittorie.

Cleveland Cavaliers-Denver Nuggets 125-109 — Il mese di febbraio sembra avere tutt’altre premesse rispetto al terribile gennaio appena superato dai Cleveland Cavaliers. La vittoria coi Denver Nuggets, infatti, è la quinta su sei partite disputate nel nuovo mese, e ancora una volta sono i 27 punti di Kyrie Irving e di LeBron James, uniti ai 16+9 di Kevin Love, a guidare la squadra. Il parziale che spezza le gambe di Denver — alla terza partita in quattro giorni, ancora senza Danilo Gallinari e Kenneth Faried — arriva a inizio secondo tempo, un 18-0 propiziato da alcuni dei 12 assist di James e a cui la doppia doppia da 27+13 di Nikola Jokic non è riuscita a porre rimedio. “Prima arriva una tripla in transizione, poi un sottomano, poi una schiacciata. Alzi la testa e dici ‘Oddio, siamo sotto di venti’”, ha commentato coach Michael Malone. “Hanno tantissime armi e LeBron trova sempre l’uomo giusto. È dura quando devi fare i conti con un mostro a tre teste”.

Indiana Pacers-Milwaukee Bucks 100-116 — I Bucks vincono solamente la terza partita nelle ultime quindici, e per farlo devono ringraziare il solito Giannis Antetokounmpo (20 punti, 8 rimbalzi, 10 assist) ma soprattutto la prolificità della panchina, che con 55 punti ha decretato la terza sconfitta in fila dei Pacers dopo 7 successi consecutivi. La mano caldissima dei Bucks dall’arco (17 triple, massimo stagionale, su 31 tentate) grazie a un eccellente Mirza Teletovic (19 con 5/9 dall’arco) hanno permesso ai ragazzi di coach Kidd di avere facilmente ragione dei Pacers nel secondo tempo, tenendo sotto controllo Paul George (13 punti e 6 falli con 4/11 al tiro) nonostante i 23 di C.J. Miles.

Dallas Mavericks-Orlando Magic 112-80 — Tutto fin troppo facile per i Mavs, che devono faticare giusto un tempo per avere ragione dei Magic. All’intervallo infatti il punteggio è già sul 61 a 35, grazie a un 32-12 di parziale nel secondo quarto che non lascia alibi agli uomini di coach Vogel, crollati anche a -37 a un certo punto. Il ritorno in quintetto di Deron Williams è solo una delle tante note liete della serata dei texani, che hanno 14 punti in 18 minuti da Dirk Nowitzki, altri 14 da Seth Curry e 20 da Wesley Matthews. Si tratta della sesta vittoria nelle ultime otto per Dallas, mentre per Orlando continua il momento no con la quarta sconfitta in fila.

Houston Rockets-Phoenix Suns 133-102 — È il solito grande James Harden a prendersi i titoli della 40^ vittoria stagionale dei Rockets, festeggiata con 40 punti, 6 rimbalzi e 8 assist in tre quarti nel comodo successo contro i Suns. Mai negli ultimi 20 anni Houston aveva vinto così tanto nelle prime 57 partite, un miglioramento notevole se consideriamo che i Rockets ne avevano vinte 41 in tutta la scorsa stagione. La partita è durata ben poco, visto che all’intervallo i padroni di casa erano già avanti di 26 e hanno aperto il terzo quarto con un parziale di 14-3, sfruttando le assenze di Eric Bledsoe e Tyson Chandler e degli avversari stanchissimi, essendo in back-to-back e arrivati in albergo alle 4 del mattino precedente.

Utah Jazz-Boston Celtics 104-112 — Successo importante per i Celtics, che hanno vinto la nona partita nelle ultime dieci su un campo difficile come quello degli Utah Jazz. A guidare i biancoverdi i soliti 29 punti di Isaiah Thomas ma anche i contributi di Kelly Olynyk (19), Al Horford (16) e Gerald Green (16), rimanendo avanti nel punteggio dall’inizio alla fine. Sono infatti due parziali — il primo da 10-0 nel secondo quarto, il secondo un 8-0 a fine terzo — a dare i Celtics anche 20 punti di vantaggio, eroso fino al -6 a 22 secondi dalla fine da una tripla di Gordon Hayward (il migliore dei suoi con 31 punti insieme ai 22 di George Hill). La pessima serata al tiro — 8/31 dall’arco, 4/22 se si toglie Hayward — ha condannato i padroni di casa alla seconda sconfitta in fila nonostante i 13 rimbalzi offensivi catturati nella serata.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche