Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Stephenson torna e fa già infuriare i Raptors

NBA

Alla prima partita davanti ai suoi tifosi, Lance Stephenson non ci ha messo molto a tornare al centro delle polemiche, per via di un canestro inutile nel finale che ha fatto infuriare tutti i Raptors. "Lance è Lance", il commento (sconsolato?) di Paul George...

A caricare l’ambiente ci aveva pensato lui stesso: “La prima gara a Indianapolis, davanti ai miei tifosi? Sarà un po’ come il ritorno di Michael Jordan nella NBA”. Lui, ovviamente, è Lance Stephenson, che evidentemente la gara contro i Toronto Raptors la sentiva particolarmente. Dal primo momento – “Ho quasi avuto le lacrime agli occhi quando ho sentito il boato del pubblico al mio ingresso in campo” – fino all’ultimo. Soprattutto l’ultimo. Con Indiana sopra 105-90 e un ultimo, inutile possesso offensivo per i Pacers, invece di lasciar scorrere il cronometro verso la sirena Stephenson ha approfittato della metà campo completamente libera per andare a segnare due punti totalmente incontrastato. Due punti che sono piaciuti veramente poco a tutti i giocatori di Toronto, a partire dal loro leader DeMar DeRozan. Dopo aver affrontato Stephenson a muso duro in campo (mentre Corey Joseph cercava di colpirlo con la rimessa…), il n°10 dei Raptors ha rincarato la dose negli spogliatoi: “Un gesto di totale mancanza di rispetto nei confronti del gioco – le sue dichiarazioni – perché quella di non segnare quando la gara è già decisa è una regola non scritta che esiste da sempre”. “Totale mancanza di classe”, l’opinione di P.J. Tucker, anche lui tra i più minacciosi in campo verso Stephenson subito dopo gli ultimi suoi due punti. 

“Lance is Lance” – Consapevole di averla fatta grossa, nel postpartita il diretto interessato ha abbozzato delle poco convinte – e poco convincenti – scuse: “Non volevo mancare di rispetto a nessuno, ho sentito i tifosi urlare il mio nome e ho voluto dedicare a loro gli ultimi due punti”. Una spiegazione così debole da non trovare grandi tifosi neppure dentro allo stesso spogliatoio dei Pacers: “Lance dovrebbe sapere perfettamente che certe cose non si fanno. È una regola non scritta, quando sei davanti nel punteggio non vai al tiro – il parere del leader di Indiana Paul George, il migliore dei suoi con 35 punti – ma lui l’ha fatto lo stesso. È il motivo per cui Lance è Lance…”. E non siamo sicuri che George intendesse dirlo in senso positivo…

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche