Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, DeRozan: “Do 100 dollari a chi riesce a fermare LeBron”

NBA
LeBron_DeRozan

Il numero 10 dei Raptors lancia un appello ai microfoni dei cronisti a fine partita: "Vi sfido a trovare una persona in grado di fermare James in questo momento"

Ci risiamo. Ogni volta che l’aria dei playoff diventa più rarefatta e che il destino pone i Raptors davanti ai Cavaliers, i canadesi e in particolare DeMar DeRozan iniziano a fare una fatica bestiale nel riuscire a trovare il fondo della retina con continuità. E neanche il fatto di essersi lasciato alle spalle la miglior regular season della carriera sembra aver cambiato le cose per il numero 10 di Toronto, limitato in gara-2 a soli cinque punti in 31 minuti di gioco, uno solo arrivato nei primi tre quarti quando sostanzialmente è stata decisa la partita. Un canestro arrivato grazie a un viaggio in lunetta, la specialità della casa, conquistato soltanto a causa di un fallo tecnico comminato ai campioni NBA, bravi a concedere soltanto tre tiri liberi in tutto il match a DeRozan: “Fa schifo, fa veramente schifo – commenta senza nascondere la frustrazione a fine gara il giocatore dei Raptors -; perdere una partita in questo modo e chiudere con una prestazione come la mia è una cosa davvero orribile. Adesso abbiamo tempo fino a venerdì per tornare a casa, ragionarci su e soprattutto provare a riscattarci dopo questa partita”. Il problema principale, irrisolvibile all’apparenza, ha un nome e un cognome: LeBron James, protagonista di una post-season al limite della perfezione. Difficile trovare un rimedio per arginare un giocatore da 34.2 punti, 9.2 rimbalzi, 7.3 assist e 2.7 rubate di media. Un’impresa che, anche a detta del diretto interessato, merita una ricompensa. “Se tu riesce a trovare qualcuno in grado di fermare LeBron in questo momento – prosegue DeRozan, rivolgendosi al giornalista che gli ha fatto la domanda -, sono pronto a darti 100 dollari”. Un po’ pochini, vista la complessità del compito.

James decisivo su entrambi i lati del campo

La difesa di Cleveland in realtà non sembra aver bisogno di lanciare appelli per contenere il numero 10 dei Raptors, prontamente raddoppiato anche a costo di giocare in inferiorità numerica contro gli altri quattro compagni. L’imperativo è quello di non concedergli penetrazioni e tiri liberi, il pane quotidiano senza il quale DeRozan non è più in grado di alimentare le sue cifre. Un problema che si ripercuote anche sulla squadra, nonostante coach Casey abbia provato a schierare tutti i suoi migliori tiratori, mandando in campo già dalla palla a due Lowry-Powell-Patterson-Ibaka, rimasti però a lungo a secco visto che la palla non è mai uscita con i tempi giusti dal raddoppio. “Con LeBron diventa difficile riuscire a sfruttare il vantaggio, visto che è molto abile a giocare da battitore libero nella propria metà campo, nel portare il raddoppio e nel ritornare rapidamente in copertura sui tiratori. Sta facendo un lavoro enorme nella protezione del pitturato, potendo all’occorrenza cambiare e diventare letale sul perimetro”. A questo punto quindi toccherà stanziare un’altra ricompensa anche per chi riesce a battere la sua difesa; magari stavolta alzando un po' la posta in palio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche