Please select your default edition
Your default site has been set

All Star-Game, si cambia: niente più Est e Ovest, scelgono i capitani

NBA
LeBron James in azione durante l'All-Star Game 2017 (Foto Getty)
LeBron

Cambia la formula nella partita delle stelle della domenica: i due capitani (quelli che hanno preso più voti) potranno scegliersi il proprio roster, mescolando così le carte tra i giocatori della Eastern e della Western Conference

“Quanti siamo? Dieci. Perfetto, cinque contro cinque. Come ci dividiamo? Dai, i due più forti fanno i capitani e scelgono gli altri quattro…”. Lo so, è successo a tutti, ma davvero a tutti di essere lì in piedi, in attesa di una chiamata che con il passare del tempo diventava sempre più umiliante, fino a quando magari non restavi soltanto il decimo che serviva a tappare il buco e a compensare la parità dei giocatori in campo. Una sensazione che dal prossimo febbraio proveranno (in parte) anche i giocatori NBA, vista la riforma che cambierà la partita delle stelle all’All-Star Game prevista per il prossimo 18 febbraio a Los Angeles. La selezione dei 24 giocatori di base non cambia: dodici per Conference, seguendo lo stesso schema di votazione percorso in passato. Arrivati sul parquet però, le cose cambiano: i due giocatori che hanno preso più voti (uno per Conference), diventano i capitani delle squadre e possono scegliere i giocatori a prescindere dalla franchigia e soprattutto dalla costa di provenienza. “Si mischiano i quintetti”, si direbbe per rendere al meglio l’idea: l’obbligo iniziale è quello di selezionare con le prime quattro chiamate i giocatori che il voto ha portato a essere titolari. E poi tutti gli altri, in un calderone tutto mixato che potrebbe finalmente permetterci di vedere anche giocatori della stessa squadra fronteggiarsi. Tutto dipenderà da ciò che decideranno di fare i capitani, chiamati a fare valutazioni non tanto e non solo di breve periodo, ma anche considerazioni legate alla possibile offesa arrecata a un giocatore rimasto in attesa troppo a lungo: campioni del genere non sono abituati ad aspettare tanto tempo il loro momento; se solo avessero vissuto un’infanzia come la nostra, capirebbero che è la cosa più naturale del mondo. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche