Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Gregg Popovich: "La beneficenza è un dovere per noi ricchi"

NBA

L'allenatore dei San Antonio Spurs ha parlato del dovere di impegnarsi nel sociale per gli sportivi di alto livello: "Siamo fin troppo ricchi e non abbiamo bisogno di tutti questi soldi, mentre altre persone sì. Perciò, se non ne restituisci un po’ di quello che hai guadagnato sei uno st****o.".

Il tempo delle feste viene chiamato negli Stati Uniti anche come “Season of Giving”, liberamente traducibile come la stagione dei doni. Doni fisici come possono essere i regali di Natale che abbiamo appena finito di scartare, ma anche donazioni in senso più lato, come quello della solidarietà. Gregg Popovich è uno che non è solito pubblicizzare nulla della sua vita privata, tantomeno del suo impegno nella comunità e nella solidarietà, ma prima della sfida di stanotte con i Brooklyn Nets ha rilasciato una dichiarazione molto forte sul motivo per cui questo tema è così importante per lui: “Perché siamo fin troppo ricchi e non abbiamo bisogno di tutti questi soldi, mentre altre persone sì” ha risposto l’allenatore dei San Antonio Spurs a precisa domanda. “Perciò, se non ne restituisci un po’ sei uno st****o. È piuttosto semplice”. Non è la prima volta che coach Pop esprime concetti del genere: lo scorso giugno, in occasione di un evento di solidarietà per la Food Bank di San Antonio, aveva detto: “In città abbiamo un grande bisogno. La Food Bank serve circa 58.000 famiglie ogni settimana. Ci sono un sacco di bambini e di famiglie che hanno bisogno di pasti: questa necessità sembra non sparire mai, e questo è uno degli esempi di quello che possiamo fare fuori dal campo. Tutti conoscono le disparità che ci sono, ma è una situazione quasi imbarazzante: se guadagni bene, dovresti sentirti in imbarazzo se non fai niente per colmare quelle disparità. Che sia passando del tempo con le organizzazioni, donando del denaro o entrambe le cose, è una responsabilità che non può essere ignorata. Se qualcuno lo fa, dovrebbe vergognarsi”. Gli Spurs sin dallo scorso ottobre si sono impegnati con l’organizzazione no-profit Shoes That Fit per donare calzature a 200 studenti alle Gates Elementery e all’Innocence Project, mentre Popovich in prima persona si è impegnato per aiutare Tim Duncan negli aiuti umanitari da portare nelle Isole Vergini devastate dagli uragani Irma e Maria. Oltre a queste, il coach degli Spurs si è impegnato anche con la J/P HRO, che gestisce programmi di aiuti ad Haiti e in zone a rischio uragano come il Texas, la Florida, Porto Rico, Haiti e Antigua/Bermuda. Attraverso questa organizzazione i maggiori donatori parteciperanno a un’estrazione per poter assistere come ospiti della franchigia a due partite, la prima a Los Angeles contro i Lakers l’11 gennaio allo Staples Center e, dopo aver viaggiato con la squadra fino a San Antonio, potranno seguire anche la gara interna con i Denver Nuggets, chiudendo la loro esperienza con un incontro privato con Popovich e un pallone firmato da un giocatore nero-argento di loro scelta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.