Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, triple doppie e canestri allo scadere: che vittoria di Denver contro OKC!

NBA

Gary Harris segna sulla sirena la tripla del definitivo 127-124, al termine di una partita molto divertente in cui OKC era riuscita a riportarsi a contatto nel finale. Non bastano ai Thunder i 43 punti di George e i 20 con 21 assist di Westbrook, tripla doppia per Nikola Jokic dall'altra

Non hai Sky? Guarda lo Sport che ami subito e senza contratto su NOW TV! Clicca qui

Denver Nuggets-Oklahoma City Thunder 127-124

IL TABELLINO

Due triple praticamente allo scadere, 21 assist di Westbrook, 43 punti di George, la tripla doppia di Jokic. I Nuggets vincono una partita al termine di uno dei finali più divertenti e scoppiettanti dell’intera regular season. Difficile dare dei contorni ben precisi a un quarto periodo in cui i Thunder si sono rifatti sotto dal -12 dopo essere stati in svantaggio letteralmente per tutta la partita, per poi ritornare a contatto nel momento clou del match. Merito di un Russell Westbrook che chiude con 20 punti (dieci dei quali arrivano negli ultimi quattro minuti) e 21 assist (record stagionale, a -1 da quello in carriera), abile ad armare la mano di un Paul George scatenato da 43 punti (14 dei quali arrivano negli ultimi sei minuti) e 19/26 al tiro. Dall’altra parte invece il miglior Nikola Jokic della stagione chiude con 29 punti, 13 rimbalzi e 14 assist (terza tripla doppia in questa regular season), a cui si aggiungono i 33 di un ispirato Jamal Murray e i 25 di Gary Harris. Ecco, prendete tutto questo e aggiungeteci la tripla del 124-124 di George a 1.4 secondi dal termine e la risposta sulla sirena di Gary Harris per il definitivo 127-124. Una partita senza senso, un’altalena di emozioni in cui a saltare in aria sono stati, prima ancora che le rivedibili difese, gli appassionati presenti al Pepsi Center e davanti le TV. Non la miglior prestazione in quanto a protezione del ferro(in parte da giustificare contro due attacchi così ispirati), come testimoniano i 40 punti dei Nuggets nel primo quarto e i 104 quando c'erano ancora 12 minuti da giocare. A far discutere a fine partita però non sono le prodezze dei giocatori sul parquet, ma la spinta data da Westbrook a un tifoso prima di prendere la strada degli spogliatoi una volta terminato l'incontro. Il provocatore (non si sa bene per quale motivo fosse sul parquet) è andato a urlare qualcosa in faccia al numero 0, stizzito dopo aver visto svanire l’overtime davanti a i suoi occhi soltanto pochi istanti prima. A quel punto Westbrook non ci ha pensato due volte a spintonarlo via, prima che intervenisse la sicurezza per allontanarlo. Un gesto che potrebbe costare molto caro alla point guard dei Thunder, non solo a livello economico, ma anche per un'eventuale squalifica.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche