Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, Paul George, non solo OKC: anche gli Houston Rockets puntano a lui

NBA

PG13 sarà uno dei free agent più ambiti del prossimo luglio, con i Thunder che sperano di trattenerlo e i Lakers che sognano un ritorno a casa. Entrambe però dovranno fare i conti anche con i Rockets, che con un tassello del genere diventerebbero legittima favorita nella corsa al titolo 

I Thunder, dopo essere andati all-in la scorsa estate, stanno facendo di tutto per provare a trattenere Paul George e mantenere così assieme un gruppo competitivo, nonostante le difficoltà di questa stagione e il naufragio al primo turno playoff. Tutto passa dalla conferma del talento n°13, che rinuncerà quasi sicuramente alla player option da 20.7 milioni di dollari perché convinto di poter monetizzare già nei prossimi mesi. L’offerta minima dunque è fissata: per avere George bisogna sborsare il massimo, e forse potrebbe non bastare. Il problema più grosso infatti è che toccherà fare la corsa dovendosi confrontare con delle corazzate come gli Houston Rockets, entrati prepotentemente in lizza secondo quanto raccontato da ESPN. I report confermano l’ottimo lavoro dei Thunder nel provare a trattenerlo, citando però Houston come una delle squadre che sta preparando una strategia molto aggressiva sul mercato per provare ad aggiungere un ulteriore pezzo pregiato a un gruppo già di altissimo livello. Lo scorso aprile il diretto interessato aveva sottolineato come l’Oklahoma per lui fosse stato sin da subito il posto ideale per giocare a basket: merito dei Thunder, dei tifosi e del gruppo di compagni. Un grande passo avanti per OKC, che puntava a convincerlo soprattutto con i risultati, ben consapevole che il sogno di George fosse quello di tornare a casa, nella sua Los Angeles, ai Lakers. I giallo-viola restano per questa ragione paradossalmente favoriti perché metà preferita (e del cuore) di PG13, che secondo i racconti informali fatti da Adrian Wojnarowski sentirà nelle prossime settimane l’amico LeBron James per vagliare assieme un eventuale approdo congiunto ai Lakers. L’interesse e l’attrattiva dei Rockets però resta forte, con l’idea di andare a rimpinguare un gruppo di talenti e All-Star come quello già presente a Houston. Per riuscire a mettere a segno un colpo del genere, Daryl Morey dovrebbe mettere mano a un bel po’ di grane, facendo combaciare i rinnovi di Chris Paul e Clint Capela con degli inevitabili tagli al roster attuale. Il tutto con la speranza di liberarsi del macigno da 20.4 milioni di dollari rappresentato dal contratto di Ryan Anderson. Lui, a differenza di George, non rinuncerà per nessuna ragione al mondo a quei soldi; con buona pace dei Rockets, che saranno costretti a sborsarli e a rinunciare a qualcosa a causa di quello.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche