Please select your default edition
Your default site has been set

Coronavirus, Belinelli, Gallinari e Melli parlano a ESPN: "Il virus ci ha avvicinati"

PAROLE
belinelli_gallinari_melli

Danilo Gallinari, Marco Belinelli e Nicolò Melli insieme a Matteo Zuretti della NBPA hanno parlato a lungo con ESPN della difficoltà di rimanere in contatto con l’Italia durante i mesi del coronavirus: “È stato un periodo folle, ma ci ha uniti ulteriormente”

CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Circa un quarto dei 450 giocatori che hanno cominciato la stagione 2019-20 non proveniva dagli Stati Uniti, ma dal resto del mondo. Una presenza international sempre più ampia e importante per gli equilibri della lega, ma che è stata messa a dura prova durante i mesi del coronavirus. Se ai giocatori statunitensi, infatti, è stato permesso di tornare nelle proprie case, agli internazionali è stato sconsigliato di mettersi in viaggio per lasciare il paese. Un’indicazione disattesa da alcuni (come Luka Doncic, ma anche Sekou Doumbouya dei Detroit Pistons) ma seguita da molti altri, tra cui i tre italiani presenti in NBA — Danilo Gallinari, Marco Belinelli e Nicolò Melli. Tutti e tre insieme a Matteo Zuretti, responsabile dei giocatori internazionali per l’associazione giocatori, sono stati intervistati da Baxter Holmes di ESPN per spiegare quanto siano stati difficili e stressanti gli ultimi mesi passati lontani dall’Italia, una delle nazioni più colpite dal coronavirus. “Quando i tuoi cari sono in pericolo o stanno attraversando un momento difficile, ogni chilometri che ti separa da loro è moltiplicato” ha detto Zuretti, che ha organizzato una call di 90 minuti tra i giocatori internazionali per condividere il loro momento difficile. Da tempo un media importante come ESPN non dedicava così ampio spazio all’Italia, raccontando di come i giocatori italiani — consci di quello che stava succedendo nel nostro paese — abbiano cercato di spiegare ai compagni di squadra quello che sarebbe potuto accadere.

Melli: "Il virus ci ha uniti ulteriormente"

Ora che il peggio sembra alle spalle, però, tutti e tre si preparano a concludere la stagione 2019-20 nella bolla di Orlando, dove saranno coinvolti con Thunder, Spurs e Pelicans per almeno otto partite di regular season ed eventuali play-in e playoff. “La mancanza di certezza — e l’impossibilità di fare ciò che hanno fatto ogni giorno per 10, 15, 20 anni — ha creato un grosso vuoto” ha detto Zuretti. “E il fatto che non potessero riempirlo con le persone che amano e che li sostengono, ha avuto un grosso impatto su tutti i giocatori durante questa pandemia. Almeno con la riapertura delle palestre sono potuti tornare a esercitare i loro superpoteri”. E in attesa di rivedersi di persona a Orlando, i tre azzurri sono rimasti sempre in contatto grazie a una chat di gruppo che durante la pandemia è diventata ancora più fondamentale. “In questo periodo difficile, il virus ci ha resi ancora più vicini” ha concluso Nicolò Melli.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche