Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Carmelo Anthony in copertina su SLAM con suo figlio: “Adesso basta con il razzismo”

NBA

Una lettera scritta dal giocatore dei Blazers per chiedere giustizia e dimostrare ancora una volta il suo supporto alla comunità afroamericana - di cui da anni è uno dei principali portavoce all’interno della NBA: “Sapete cosa c’è? Ne abbiamo abbastanza”

Un’immagine potente, efficace, catartica. Carmelo Anthony che veste il suo ormai immancabile cappuccio sulla testa e guarda fisso nell’obiettivo assieme al figlio Kiyan: questa la copertina del numero speciale pubblicato da SLAM per parlare delle discriminazioni razziali e sfruttare ancora una volta la capacità di raccogliere attenzioni da parte degli sportivi e in particolare dei giocatori NBA. Il numero 00 dei Blazers da oltre un decennio è una delle voci simbolo nella lotta alle disuguaglianze, uno dei primi a dirsi possibilista di fronte all’eventualità di non scendere sul parquet nelle prossime settimane nel momento della ripartenza della stagione per provare a lanciare un messaggio ancora più forte. La lega infatti da oltre un mese ha fatto sentire la sua voce - anche in strada durante le manifestazioni - a sostegno del movimento “Black Lives Matter”, riesploso in maniera fragorosa negli USA a seguito dell’uccisione di George Floyd. Come spiegato dallo stesso Anthony nel lancio sui social della lettera che ha scritto su SLAM, bisogna riuscire a farsi forza guardando alle storie del passato, lottare per la giustizia nel presente e chiedere uguaglianza per il futuro. Un messaggio chiaro, che coinvolge tutte le generazioni di afroamericani e non solo. A partire da suo figlio, diventato anche lui simbolo di quel “It stops now” che non ammette repliche, ma chiede immediatezza nelle decisioni e nel cambio di rotta. “Non parlo per me, ma lo faccio a nome di tutti quelli che non vengono ascoltati: dobbiamo continuare a pretendere che le cose cambino, a fare progressi. Stiamo cercando di farcela in ogni modo e non possiamo di certo fermarci adesso”. In una pubblicazione che ospita interventi di rilievo come quelli di Bill Russell, Oscar Roberson, Stephen Jackson e Kareem Abdul-Jabbar, la voce di Anthony e la sua lettera - letta stesso da lui in un efficace video subito diventato virale sui social - restano il contributo più efficace: “Le ombre scure sulla mia pelle non fanno altro che aggiungere delle ombre alle mie lacrime”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche