Please select your default edition
Your default site has been set

Playoff NBA, Bam Adebayo: “La sconfitta in gara-5 è soltanto colpa mia”

le parole
©Getty

Il giovane All-Star degli Heat è stato uno dei meno convincenti nella sfida persa contro Boston e ha voluto caricarsi a parole sulle sue spalle le responsabilità della sconfitta - nonostante il problema al polso continui a condizionarlo. Ma Spoelstra non ha dubbi: “C’è mancata l’energia difensiva, senza quella ai playoff non vinci”

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Digerire un parziale e soprattutto un ko del genere non è semplice per un gruppo orgoglioso e unito come quello Heat, abituato a superare per voglia, attitudine ed energia ogni tipo di avversario. Non questa volta, non nel secondo tempo di una gara-5 in cui Miami ha girato a vuoto, sparando a salve e incassando ben 41 punti nel solo terzo quarto da Boston. Un tracollo che Bam Adebayo sa bene a chi imputare: “È colpa mia, tutta colpa mia. Ho giocato da schifo, mi assumo tutte le responsabilità per la partita persa. Non è stata colpa dei miei compagni, non sono errori degli allenatori, ma soltanto una mia partita orribile”. I 13 punti messi a referto in gara-5 sono il minimo nella serie raccolto da Adebayo, conditi con 8 rimbalzi e 8 assist, ma certamente meno incisivo del solito su entrambi i lati del campo. Il problema però è che l’All-Star degli Heat è sembrato non al 100% della condizione, probabilmente ancora alle prese con i guai al polso sinistro che continua a dargli fastidio sin da gara-4 e a non lasciarlo in pace. Si giustifica anche così l’essere andato sotto nello scontro diretto con Daniel Theis - dominante sotto canestro con i suoi 15 punti e 13 rimbalzi - e più in generale nel non aver garantito la solita dose di energia ed esplosività necessaria per regalare a Miami l’ultimo e decisivo successo contro i Celtics.

vedi anche

Orgoglio Celtics, Boston batte Miami e va sul 3-2

Il punto di vista di coach Spoelstra invece è diverso da quello del suo All-Star, convinto del fatto che gli Heat senza la giusta voglia non sono in grado di vincere ai playoff: “Boston ha giocato un secondo tempo fantastico, hanno meritato il successo raccolto. Ci serva da lezione, il modo migliore per capire quanto sia complicato vincere in post-season. Non siamo stati in grado di competere con l’energia necessaria in difesa e abbiamo pagato il prezzo delle nostre mancanze. Questo però senza nulla togliere ai meriti dei Celtics, che hanno dimostrato di avere ancora grande forza e voglia di giocarsela”.  Miami insomma battuta con le armi che spesso sono state quelle vincenti per la squadra della Florida, che tornerà tra meno di 48 ore a fare affidamento anche su Jimmy Butler: “Domenica ci faremo trovare pronti”. Anche perché, dopo il primo passaggio a vuoto, meglio non rischiare di commettere un altro passo falso e riaprire definitivamente una serie a lungo in pieno controllo per gli Heat.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche