Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, la maschera di Kawhi Leonard: "Mi chiamano Leatherface. E Ibaka è sul mercato"

PAROLE
©Getty
LOS ANGELES, CA - DECEMBER 30: Kawhi Leonard #2 of the LA Clippers looks on during the game against the Portland Trail Blazers on December 30, 2020 at STAPLES Center in Los Angeles, California. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and/or using this Photograph, user is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. Mandatory Copyright Notice: Copyright 2020 NBAE (Photo by Adam Pantozzi/NBAE via Getty Images)

Dopo il rientro con vittoria ai danni dei Portland Trail Blazers, Kawhi Leonard era curiosamente in vena di battute con i media. "La mia maschera protettiva? I miei compagni hanno cominciato a chiamarmi 'Faccia di Cuoio'. E Ibaka parla troppo, è sul mercato: se lo volete fate una chiamata"

Siamo abituati fin dai tempi di Rip Hamilton a vedere i giocatori NBA in campo con le maschere protettive sul volto, ma quella di Kawhi Leonard ha qualcosa di diverso. Invece che proteggere il naso e gli occhi, il due volte MVP delle Finals ha dovuto proteggere soprattutto la sua bocca, colpita duramente da Serge Ibaka nella partita di Natale contro Denver e costatagli ben otto punti di sutura. Leonard ha saltato le successive due gare — il tremendo -51 subito per mano di Dallas e la vittoria contro Minnesota — ma è rientrato questa notte per segnarne 28 in 30 minuti contro i Portland Trail Blazers, aggiungendo anche 3 rimbalzi, 7 assist e 3 recuperi al suo bottino. Soprattuto, però, si è lasciato andare davanti ai media, regalando anche un paio di battute: “I miei compagni hanno cominciato a chiamarmi ‘Leatherface’ [Faccia di Cuoio, il serial killer di Non aprite quella porta, ndr] e cose del genere… E soprattutto Serge Ibaka non può parlare troppo: ora è sul mercato, perciò chi lo vuole faccia una chiamata perché stiamo cercando di scambiarlo”. Ovviamente si tratta di una battuta: il lungo è uno dei suoi migliori amici e insieme hanno vinto un anello con i Toronto Raptors, obiettivo che intende raggiungere anche quest’anno a L.A.. La speranza è che non debba più subire colpi come quello ricevuto dal suo amico e compagno di squadra.

[testo di Zeno Pisani]

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.