Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Draymond Green dice la sua sui "giovani d'oggi": "Sono come i tossicodipendenti..."

NBA
©Getty

Il vecchio saggio dello spogliatoio degli Warriors usa un particolarissimo paragone nel discutere la conoscenza del gioco dei talenti appena arrivati nella lega: "Pensano di conoscere il gioco ma non è così, e questo è un problema. E come per i tossicodipendenti, il primo passo verso la guarigione è riconoscere e ammettere il problema"

Istintivo. Autentico. Passionale. Mai banale. Draymond Green è fatto così, è un giocatore emotivo dentro e fuori dal campo, nel bene e (qualche volta) nel male. Quel che è certo è che ha un dono: un’intelligenza cestistica - il famoso “basketball IQ” — di altissimo livello, una comprensione del gioco da primo della classe, capace di conquistare allenatori (Steve Kerr), compagni (Steph Curry) e avversari (LeBron James). Un’intelligenza che l’ala degli Warriors non ritrova sempre — o sarebbe meglio dire, quasi mai — nei giovani talenti appena sbarcati nella lega. “Prima ancora di imparare devi riconoscere di non sapere. È come per i tossicodipendenti: il primo passo verso la guarigione è ammettere di avere un problema, una dipendenza. Ecco, con i giocatori più giovani — le cosiddette Internet sensation — è la stessa cosa: pensano di conoscere la pallacanestro e invece non è così, e per arrivare a capire questo sport come prima cosa dovrebbe ammettere di non saperne davvero nulla. Ma non lo faranno mai, ed è per questo motivo che tante finiscono male”. Un’interpretazione tutta sua — da vecchio veterano dei parquet NBA — che forse però più di una matricola farebbe bene ad ascoltare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche