Please select your default edition
Your default site has been set

NBA: morto Elgin Baylor a 86 anni, leggenda dei Los Angeles Lakers

NBA

Ne ha dato l’annuncio sui social la squadra di Los Angeles per la quale l’Hall of Famer ha giocato con maglia n°22 per 14 anni - 11 volte All-Star e uno dei giocatori simbolo della pallacanestro degli anni ’60: “È stato l’amore della mia vita e il mio migliore amico”, le parole con cui si apre il comunicato di sua moglie Elaine

I Los Angeles Lakers attraverso i loro canali social ufficiali hanno comunicato la notizia della scomparsa di Elgin Baylor - leggenda gialloviola e della NBA degli anni ’60, protagonista al fianco di Jerry West per oltre un decennio in cui ha conquistato ben 11 convocazioni all’All-Star Game, senza mai però riuscire a vincere un titolo NBA. Aveva 86 anni, morto per cause naturali “in pace”, si legge nel comunicato che riporta anche le parole di sua moglie Elaine: “Era l’amore della mia vita e il mio migliore amico. Come tutti gli altri che lo hanno circondato, sono rimasta rapita dal suo coraggio, dalla sua dignità e dal tempo che ha sempre dedicato a tutti i suoi tifosi. Quello che chiediamo ora io e la mia famiglia è l’opportunità di poter piangere la sua scomparsa in forma privata”.

vedi anche

Tutte le statue dello Staples Center

Nato nel 1934 a Washington D.C. e cresciuto al college prima in Idaho e poi a Seattle (con cui ha conquistato il titolo NCAA), Baylor fu chiamato dai Minneapolis Lakers - all’epoca la squadra era in Minnesota - come prima scelta al Draft del 1958. Nella sua prima stagione da professionista chiuse con 25 punti e 15 rimbalzi di media, conquistando il premio di rookie dell’anno e proseguendo poi per altri 13 anni con la franchigia che nel frattempo passò a Los Angeles. Dopo il ritiro dal basket giocato nel 1971 - proprio nella stagione in cui i Lakers riuscirono a conquistare finalmente il titolo NBA che tanto aveva inseguito, preparando l’anno successivo un anello anche per lui che mai sentì come suo quel traguardo - Baylor ha lavorato come capo allenatore dai New Orleans Jazz e poi più tardi come dirigente ai Los Angeles Clippers. “Elgin è stato LA superstar della sua epoca - sottolinea Jeanie Buss, attuale proprietaria dei Lakers - è stato uno dei pochissimi giocatori ad aver vissuto quella transizione decisiva per la franchigia verso Los Angeles [la leggenda narra, senza andare troppo lontano dalla verità, che, se i Lakers non avessero scelto lui al Draft del 1958, sarebbero probabilmente falliti come franchigia a Minneapolis, ndr]. Ancora più importante di questo però è stata la sua integrità, anche come nei confronti dell’esercito americano”. I Lakers hanno ritirato la sua maglia n°22, oltre ad avere ormai da tempo una sua statua all’esterno dello Staples Center. “In nome di tutta l’organizzazione dei Lakers, le nostre preghiere e i nostri pensieri sono dedicati alla sua famiglia”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche