Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Doncic in tripla doppia: Dallas sbanca Los Angeles e va 1-0 nella serie

NBA
©Getty

Subito protagonista lo sloveno dei Mavs che alla prima gara dei suoi secondi playoff manda subito a referto una tripla doppia: 31 punti, 11 assist e 10 rimbalzi per lui, ben spalleggiato da Tim Hardaway Jr. (21) e Dorian Finney-Smith (18). Ai Clippers non bastano i 26 di Kawhi Leonard e i 23 di Paul George

L.A. CLIPPERS-DALLAS MAVERICKS 103-113 | IL TABELLINO

Il racconto del primo tempo

Il primo quarto mette subito in copertina i due uomini simbolo della serie: Luka Doncic ha già 12 punti (con 4 assist e 4 rimbalzi) al primo mini-break, Kawhi Leonard gli risponde con 13 punti fondamentali per rimontare uno svantaggio arrivato anche in doppia cifra. Dopo i primi dodici minuti i Clippers sono ancora sotto, ma di soli 3 punti, 33-30, e il secondo quarto si apre con l'ingresso in campo di Nicolò Melli, che conquista subito un rimbalzo. Batte un colpo finalmente anche Paul George, che dopo aver sbagliato i primi 6 tiri della sua gara si iscrive a referto, ma i punti di Tim Hardaway Jr. (già 2 triple a segno) mantengono la gara in equilibrio, 40-40 con 7 minuti da giocare nel primo tempo. Sono due le triple anche di Rajon Rondo, che sembra sentire il profumo di playoff che tanto gli piace. La postseason però piace anche a Doncic, che torna in campo e colpisce dall'arco, con la prima tripla della sua serata dopo tre errori. Le triple a bersaglio diventano in fretta tre e assieme agli assist per i compagni scavano un primo mini-vantaggio per i texani, che vanno sul +7 e chiudono il primo tempo sul 60-55, con lo sloveno mattatore già a quota 21 punti

Il racconto del secondo tempo

esclusiva

Melli a Sky: "Minutaggio? Mi farò trovare pronto"

Doncic prova ad "azzannare" la partita già nei primi minuti del terzo quarto: esce caldissimo dagli spogliatoi, colpisce ancora da tre punti e anche dal mid-range e porta a +8 il vantaggio dei Mavs. L.A. però non molla: George è diverso dal giocatore visto nel primo tempo, e poi c'è sempre Leonard, che regala una schiacciata in testa a Maxi Kleber da highlights dopo aver rubato lui stesso il pallone in difesa, rimettendo a contatto (-2) i suoi. Una penetrazione acrobatica di Josh Richardson sull'ultimo possesso del terzo quarto fissa il punteggio sull'86-80 per Dallas prima dell'ultima pausa, con Doncic già a quota 30 e i Mavs che di squadra sfiorano il 54% da tre punti (e il 51% dal campo). I Clippers però non mollano, anzi: sfruttano il disastroso secondo tempo di Porzingis, cavalcano la mano tornata calda di George (che si avvicina al ventello dopo aver chiuso solo a 7 il primo tempo) e i punti importanti di un veterano come Rondo: L.A. torna davanti quando le due squadre entrano negli ultimi sei minuti di gara. Tim Hardaway Jr. fa due giocate fondamentali (una in difesa, una in attacco con la 5^ tripla della sua serata), ma poi perde un pallone importante, scippato ancora una volta dalle mani veloci Rondo. Due errori al tiro in fila (tra cui un air ball) anche per Doncic, ma L.A. appare stanca e non ne approfitta: Dallas resta davanti ma c'è solo un possesso di distanza entrando negli ultimi 100 secondi di gioco. Sembra proprio essere finita la benzina nel rush finale ai Clippers: George è l'unico ad attaccare ancora, ma 4 punti di Porzingis (due liberi e una schiacciata) allungano la forbice fino al +7. La gara si chiude con l'errore da tre punti di George e il rimbalzo di Doncic che sancisce anche la sua tripla doppia (la terza per lui nei playoff, in 7 gare): lo sloveno chiude con 31 punti, 11 assist e 10 rimbalzi, mettendo la sua firma in calce a una vittoria importante, che fa saltare il fattore campo e porta i Mavs in vantaggio 1-0 nella serie. Finisce 113-103 per Dallas, forte non solo del suo n°77 ma anche di un ottimo supporting cast, da Tim Hardaway Jr. (21 punti con 8/13 e 5 triple) a Dorian Finney Smith (7/9 per 18 punti) finendo con Jalen Brunson dalla panchina (15 in 21 minuti). L.A. ha indicazioni positive dal solito Leonard, dal secondo tempo di George e dal contributo di Rondo, ma non basta per evitare il ko interno. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche