Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Nikola Jokic scelto al Draft 2014 dai Denver Nuggets durante la pubblicità. VIDEO

L'ANEDDOTO

La prima immagine di Nikola Jokic in NBA? Una grafica in sovrimpressione durante una pubblicità di Taco Bell, dedicata a chi nel giro di sette anni è poi diventato il talento più dominante della lega: il primo giocatore di sempre tra quelli scelti al secondo giro al Draft a vincere il premio di MVP

JOKIC VINCE IL PREMIO DI MVP: LEBRON FUORI DALLA TOP-10

Per capire quanto fosse improbabile immaginare qualche anno fa che Nikola Jokic potesse diventare il vincitore del premio di MVP al termine di una stagione NBA, c’è chi in maniera involontaria sui social è andato a ripescare il suo primo momento nella lega. L’istante in cui il centro serbo è stato selezionato da Denver, uno dei passaggi cruciali nella carriera da professionista di ogni giocatore, a maggior ragione per un futuro All-Star e MVP. Bene: nel caso di Jokic non ci sono immagini del suo faccione, del sorriso sotto il cappellino con il logo della squadra del Colorado. No, in quel Draft 2014 i nomi più attesi erano quelli di Andrew Wiggins e Jabari Parker, seguiti poi da Joel Embiid - secondo e deluso nella corsa al premio di MVP proprio alle spalle di Jokic. Quella sera di giugno del 2014 invece fu il centro serbo a finire alle spalle dei giocatore dei Sixers, non di una ma di ben 37 posizioni - chiamato soltanto con la scelta n°41 da Denver. Talmente tardi che a quel punto la NBA cerca di riempire il palinsesto con tanti spot pubblicitari, da mandare anche a costo di perdere qualcosa per strada. E infatti: mentre andava in onda uno spot di Taco Bell, in grafica è comparsa la scritta: “I Denver Nuggets hanno scelto Nikola Jokic”. Un momento di passaggio, subito finito nel dimenticatoio. La dimostrazione di come in NBA, anche entrando nel modo più improbabile, si possa avere l’occasione di scalare le gerarchie e diventare il migliore (e il più votato) di tutti.

La maglia celebrativa indossata da coach Mike Malone che ricorda la terminologia usata per definire nel corso degli anni un giocatore come Jokic che è riuscito con pazienza a ritagliarsi un posto da MVP in NBA

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche