Please select your default edition
Your default site has been set

NBA Finals, Phoenix Suns-Milwaukee Bucks: dove vedere gara-5 in tv e streaming

nba su sky

Le NBA Finals entrano nel vivo con gara-5, la serie torna a Phoenix in un match in cui i Suns proveranno a difendere il fattore campo, risolvere il problema palle perse (soprattutto da parte di Chris Paul), cercando alternative in attacco oltre a Booker. Milwaukee invece si gode uno straordinario Khris Middleton: riuscirà a ripetersi anche in trasferta? Tanti i temi di una gara-5 da seguire questa notte su Sky Sport Uno e Sky Sport NBA a partire della 3.00 con il commento di Flavio Tranquillo e Davide Pessina

Quando si parla di NBA Finals, di serie playoff, in una striscia di sette partite in cui l’obiettivo è portare a casa quattro successi, ci si domanda: quale sarà la gara decisiva? Ecco, quel momento è arrivato nel testa a testa tra Phoenix e Milwaukee: gara-5 è il match attorno a cui gireranno le sorti dell’intera stagione NBA. Da 2-0 a 2-2, non una novità per i Bucks in questa postseason che adesso possono sfruttare la spinta del momento e provare a cavalcare l’onda del “Bucks in six!”, lanciata da Kareem Abdul-Jabbar prima di gara-3 e raccolta con calore ed entusiasmo dal pubblico del Wisconsin. Una dei temi più dibattuti negli ultimi giorni sono state le palle perse di Chris Paul, cresciute esponenzialmente rispetto ai suoi standard in questa serie finale per merito del lavoro fatto su di lui da Jrue Holiday - tanto da aver portato CP3 a sciupare due possessi nelle fasi conclusive delle sfida di Milwaukee di 48 ore fa. Dopo otto palle perse in 152 minuti nei finali di gara combattuti nel corso dell’intera stagione, ne sono arrivate due da parte di Paul nel giro di 180 secondi. Le 15 palle perse nelle ultime tre sfide sono il suo record personale negativo ai playoff nell’ultimo decennio: la doppia vittoria dei Bucks passa anche da questo, così come un possibile successo in gara-5.

Milwaukee aspetta (di nuovo) i canestri di Middleton

vedi anche

La prestazione di Khris Middleton contro Phoenix in gara-4

Dopo i 40 punti arrivati in gara-4, in molti discutono inoltre del ruolo di Khris Middleton all’interno del quintetto Bucks, indicando in lui il fattore decisivo della seria: beh, dando per scontato il rendimento di un Giannis Antetokounmpo sontuoso nelle ultime tre sfide della serie, di sicuro buona parte delle fortune di Milwaukee passano dall’aggiungere o meno un talento in più al proprio arsenale. Il dato che ha colpito molti è stato il 10-4 con cui Middleton da solo è riuscito a far meglio di tutti i Suns negli ultimi 135 secondi di partita. Se lui fa canestro, per i Bucks la strada è in discesa: 2-5 il record in questi playoff quando Middleton ha segnato 17 o meno punti, 12-2 quando ne ha realizzati da 18 in su. Un discorso che in maniera collaterale coinvolge anche Jrue Holiday - già incensato per il suo straordinario contributo in difesa, ma davvero troppo impreciso in attacco per permettere ai Bucks di provare a vincere in trasferta: l’ex Pelicans sta tirando con il 33% dal campo nella serie, raccogliendo al momento un misero 6/22 dalla lunga distanza. Poco se si vuole impensierire la difesa Suns che ormai, soprattutto dall'arco, prova a scommettere contro di lui.

Phoenix Suns, oltre Devin Booker c’è di più?

vedi anche

Esordio ai playoff: nessuno meglio di Devin Booker

A preoccupare invece i Suns, ben oltre la rimonta subita e la doppia sconfitta incassata in trasferta, è la carenza di alternative offensive di una squadra che nelle prime due partite casalinghe sembrava avere l’imbarazzo della scelta. In gara-3 la serata no di Devin Booker ha condizionato l’intero roster, mentre nella sfida successiva non sono bastati i suoi 42 punti in 38 minuti a regalare a Phoenix il terzo sigillo nella serie. Con Chris Paul e Deandre Ayton particolarmente silenziosi e spuntati dal punto di vista realizzativo, Booker ha dato fondo a tutte le sue energie (e ai falli a disposizione, verrebbe da dire) per tenere a galla i Suns: nessuno però ha segnato più di 15 punti, toccando la doppia cifra per la prima volta con Jae Crowder quando mancavano 7 minuti alla sirena finale. C’è bisogno insomma di un supporto realizzativo più diffuso: non solo Booker, ma anche Paul e Ayton dovranno giocare (e segnare) come spesso ci hanno abituato a fare. Altrimenti il rischio è quello di tornare a Milwaukee con il rischio di lasciarsi sfuggire il titolo NBA sul più bello: appuntamento con gara-5 questa notte alle 3.00 su Sky Sport Uno e Sky Sport NBA con il commento di Flavio Tranquillo e Davide Pessina.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche