Please select your default edition
Your default site has been set

Mercato NBA, Dennis Schröder spiega il motivo degli 84 milioni rifiutati

MERCATO NBA
©Getty

Al suo primo giorno con la nuova maglia dei Boston Celtics, Dennis Schröder è tornato a parlare della decisione di non firmare l’estensione di contratto da 84 milioni di con i Los Angeles Lakers, trovando poi solo un annuale da 5.9 coi biancoverdi: "Amo i Lakers, ma non ero a mio agio e non mi inserivo al 100% da loro. Non potevo dare tutto quello che avevo da offrire. I soldi poi non sono tutto: ho 28 anni e giocherò ancora a lungo in NBA"

Nel corso della passata stagione, Dennis Schröder decise un po’ a sorpresa di rifiutare un’estensione di contratto da 84 milioni di dollari complessivi con i Los Angeles Lakers, convinto di valerne almeno 100 e che una squadra in free agency glieli avrebbe offerti. Una scommessa che si è rivelata clamorosamente sbagliata, visto che durante l'estate nessuno è andato neanche vicino alla tripla cifra chiesta dal tedesco (che per non compromettere le sue possibilità di guadagno ha saltato le competizioni estive con la Germania, tra cui le Olimpiadi) costringendolo ad accettare un accordo di un solo anno a 5.9 milioni di dollari con i Boston Celtics. Proprio in occasione del suo primo giorno con la nuova maglia Schröder è tornato a parlare di quanto accaduto, raccontando la sua verità: “Siamo stati il mio agente e io a decidere di non firmare quel contratto. Personalmente mi devo sentire a mio agio nell’ambiente in cui mi trovo. Amo l’organizzazione dei Lakers, hanno fatto grandi cose… ma il mio gioco non si inseriva al 100% con il loro. Ci sono LeBron e AD, due dei migliori giocatori della NBA, ma non potevo dare tutto quello che avevo da offrire”.

approfondimento

Schröder e i soldi persi in estate: lui ci scherza

Poi, parlando dell’aspetto finanziario, il nuovo numero 71 dei Celtics (il 17 è ovviamente ritirato in onore di John Havlicek) ha aggiunto: “Ho firmato un ottimo contratto dopo il mio quarto anno nella lega [70 milioni in quattro anni nel 2016 con gli Atlanta Hawks, ndr], perciò sia io che la mia famiglia siamo a posto. Ho 28 anni, giocherò nella NBA ancora per molto tempo. I soldi non sono tutto”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche