Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, Ben Simmons non incontra i medici dei Sixers: Philadelphia si arrabbia

PHILADELPHIA
©Getty

Ben Simmons non è ancora sceso in campo, sostenendo di non essere pronto mentalmente a giocare di nuovo per i Philadelphia 76ers. All’interno della squadra però cresce la frustrazione nei suoi confronti, dato che non ha mai voluto incontrare i medici della franchigia per discutere la sua situazione, affidandosi solo a quelli dell’associazione giocatori

I Philadelphia 76ers stanno reggendo sorprendentemente bene in questo inizio di stagione, mantenendo un record di 5 vittorie e 2 sconfitte nonostante i problemi al ginocchio di Joel Embiid. La recente positività al Covid-19 di Tobias Harris, però, potrebbe creare più di un problema a coach Doc Rivers, il quale avrebbe estremo bisogno di un altro All-Star al quale affidare minuti e responsabilità. Peccato che quell’All-Star sia Ben Simmons, con il quale i rapporti non sembrano migliorare: dopo un’apparente "tregua" tra le parti, all’interno dei Philadelphia 76ers sta montando sempre più frustrazione per il comportamento dell’australiano, che fino a questo momento si è strenuamente rifiutato di accettare l’aiuto da parte dei medici della squadra. Simmons è attualmente fuori perché non pronto mentalmente a scendere in campo con i Sixers, ma sin dall’estate si sta affidando esclusivamente agli specialisti messi a disposizione dalla NBPA, l’associazione giocatori della lega, e non ha neanche fornito ai dettagli di questi incontri alla squadra. Simmons si sta allenando in maniera individuale al campo di allenamento della franchigia a Camden, nel New Jersey, e ha parlato faccia a faccia con alcuni compagni di squadra e membri dello staff, ma non è chiaro quando — e soprattutto se — abbia intenzione di prendere parte alle attività con il resto del gruppo. L’obiettivo dei Sixers è quello di progredire in modo tale da poterlo rimettere in campo, ma — per usare le parole di ESPN — "c’è incertezza se si stia progredendo verso lo stesso obiettivo", e non sono previsti aggiornamenti da parte di Simmons "fino a quando non si sentirà a suo agio nel darli". L’australiano ha già perso circa due milioni di dollari per le partite perse fino a questo momento, anche se la squadra ha smesso di multarlo dopo il 22 ottobre, quando ha comunicato di non essere mentalmente pronto a giocare. Se dovesse continuare con il suo atteggiamento non collaborativo, però, la situazione potrebbe per l'ennesima volta cambiare.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche