Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, continua la crisi dei New York Knicks: coach Thibodeau cambia ancora

le parole
©Getty

Dopo la terza sconfitta in fila incassata al termine della sfida contro Denver, l’allenatore dei New York ha spiegato che le “modifiche” al quintetto potrebbero non essere terminate con la rimozione dal gruppo di Kemba Walker. Anzi: le variazioni potrebbero essere non solo negli uomini, ma anche nell’impostazione della squadra

Il record dei New York Knicks è scivolato sotto il 50% per la prima volta in questa stagione dopo il passo falso casalingo contro Denver (11-12) - ennesimo ko in un momento complicato per una squadra che, tornata ai playoff al termine della scorsa regular season, sperava di riuscire ad andare avanti e non ritrovarsi impantanata. Invece, dopo il rendimento discutibile dei nuovi acquisti Evan Fournier e soprattutto Kemba Walker, l’allenatore dei Knicks Tom Thibodeau ha spiegato di avere intenzione di cambiare nuovamente il quintetto (dopo aver messo fuori squadra l’ex All-Star di Charlotte e Boston) per cercare di invertire la rotta: “Potrebbero esserci nuovi aggiustamenti da fare in futuro”, ha spiegato in conferenza stampa senza entrare nel dettaglio. Non per forza però verranno sacrificati o messe in discussione le rotazioni, ma potrebbero variare soltanto gli schemi e l’impostazione data dall’ex coach dei Bulls.

vedi anche

Thibodeau cambia e fa fuori Walker dalla rotazione

L’ingresso in quintetto di Alec Burks al posto di Kemba Walker - finito direttamente fuori dalla rotazione a causa della sua incapacità di proteggere il ferro, unita a evidenti problemi di resa in attacco - non ha per ora portato i risultati sperati: i Knicks infatti hanno vinto la prima partita contro Atlanta, incassando poi però tre sconfitte in fila. La difesa (soprattutto sul perimetro) non sembra averne giovato, come dimostrato anche dal 20/43 dall’arco subito contro Denver - scappata via sul +21 già dopo tre quarti di gioco. Julius Randle - lo scorso anno All-Star e finito come tutti gli altri sul banco degli imputati - ha provato a sintetizzare la situazione spiegando: “Dobbiamo guardarci allo specchio e decidere che tipo di stagione vogliamo fare. So bene quali siano le mie ambizioni e anche quelle dei miei compagni, ma dobbiamo mettere il giusto impegno nelle prossime settimane per far sì che ciò accada”.