Please select your default edition
Your default site has been set

NBA, a rischio la panchina di Frank Vogel ai Lakers: valutato partita per partita

LAKERS
©Getty

La pesantissima sconfitta subita a Denver la scorsa settimana ha messo in serio pericolo la panchina di Frank Vogel ai Los Angeles Lakers, salvata dal successo contro Utah nella miglior vittoria stagionale. Una brutta sconfitta coi Jazz sarebbe costata però il posto a Vogel, che continua a essere valutato partita per partita

Il -37 subito dai Los Angeles Lakers sul campo dei Denver Nuggets ha lasciato più strascichi di quanti si pensassero. Secondo quanto riportato da diversi media a partire da The Athletic e confermato dal Los Angeles Times, la panchina di Frank Vogel sarebbe stata in serissimo pericolo se i Lakers avessero perso malamente anche contro gli Utah Jazz nel Martin Luther King Day, dove invece i gialloviola hanno vinto probabilmente la miglior partita della loro stagione. Un successo che però non ha salvato del tutto Vogel: secondo quanto riportato, l'allenatore continuerà a essere valutato "partita dopo partita" dalla dirigenza gialloviola, vale a dire il GM Rob Pelinka e il consigliere Kurt Rambis e in ultimo luogo la proprietaria Jeanie Buss. Sintomo che la sua panchina è di fatto a rischio: un’altra brutta sconfitta nelle prossime partite potrebbe essere fatale per il coach che ha portato i Lakers al titolo nel 2020 e che in questa stagione sta faticando a scrollarsi dal 50% di vittorie, complice l’altissimo numero di infortuni (a partire da quelli di LeBron James e Anthony Davis) e un roster disfunzionale specialmente nella metà campo difensiva.

Le parole di Vogel: "Noi lavoriamo ogni giorno"

approfondimento

LeBron chiede scusa ai tifosi: "Faremo di meglio"

Prima ancora della vittoria contro i Jazz, Vogel aveva avuto parole insolitamente dure per difendere il suo operato e quello del suo staff, probabilmente conscio di cosa sarebbe potuto succedere in caso di sconfitta. "Noi lavoriamo instancabilmente ogni singolo giorno, sia nell’analizzare le nostre partite dopo la sirena finale, nell’incontrare i nostri giocatori per mostrare in cosa devono migliorare e in cosa stanno andando bene, e nel mettere assieme il piano partita" ha detto, mandando evidentemente un messaggio a qualcuno all’interno della franchigia, dopo che per tre volte si è incontrato con Pelinka e Rambis nelle ultime settimane. "Quando pianifichiamo la gara il margine di errore è risicato. Dobbiamo essere perfetti in tutte le nostre coperture. Sappiamo come costruire una difesa élite: non siamo ancora riusciti a formarla con questo gruppo, ma il lavoro che facciamo c’è sempre. E quando lavori a qualcosa, avrai dei miglioramenti". Dan Woike dell’L.A. Times parlando con una fonte interna dei Lakers ha scritto che "non ci sono attualmente piani per sostituirlo", ma nel suo stesso pezzo scrive che la temperatura attorno a Vogel sta salendo. Il rientro di Anthony Davis ormai imminente rischia di essere il momento cardine dell’intera stagione dei Lakers, ma ogni sconfitta da adesso in poi (e da sabato saranno in trasferta a Est per sei partite consecutive in 9 giorni) potrebbe essere fatale.