user
11 dicembre 2017

Olimpiadi 2018, la Giamaica tenta un altro miracolo sul ghiaccio: qualificarsi nel bob femminile

print-icon
jam

La Nazionale giamaicana di bob in Germania (Foto IBSF)

Dopo aver conquistato il miglior risultato di sempre in Coppa del Mondo, Jazmine Fenlator-Victorian e Carrie Russell sono a un passo dalla storica qualificazione ai Giochi di Pyeongchang. Il nome del loro bob? Mr Cool Bolt, ovviamente...

CURLING, CHE IMPRESA: ITALIA QUALIFICATA AI GIOCHI

Prepariamoci ad assistere all'ennesima favola olimpica a Pyeongchang. Mentre il mondo si interroga sulle questioni legate al doping di stato in Russia e ad eventuali boicotaggi da Mosca, la Giamaica è in corsa per la qualificazione nel bob a due femminile. La squadra caraibica, diventata famosa per il film Cool Runnings (Quattro sottozero, nella versione italiana) ha infatti chiuso al settimo posto la gara di World Cup a Winterberg, in Germania, cogliendo il miglior risultato di sempre nella storia giamaicana e tornando a competere in Coppa del Mondo dopo 16 anni di assenza. La formazione è composta dal pilota Jazmine Fenlator-Victorian, già olimpica a Sochi nel 2014 con gli Stati Uniti e dalla frenatrice Carrie Russell. Quest'ultima è una bobbista riciclata dall'atletica, dopo aver conquistato la medaglia d'oro ai Mondiali di atletica del 2013 nella staffetta 4x100. La Giamaica sarebbe attualmente qualificata ai Giochi di Pyeongchang grazie all'ultimo posto disponibile, con soli 24 punti di vantaggio nei confronti della Romania. Un gap esiguo, che si può cancellare in una sola prova e che non dà sicurezze, visto che le qualificazioni proseguiranno sino a metà gennaio. Sabato le bobbiste di Kingston hanno corso su un mezzo chiamato “Mr. Cool Bolt”, ovviamente in onore del più forte sprinter di tutti i tempi. 

La storia della Giamaica alle Olimpiadi invernali parla di undici atleti qualificati, tutti uomini e bobbisti, ad eccezione dello sciatore di ski cross  Errol Kerr, che partecipò a Vancouver 2010. Fenlator-Victorian e Russell potrebbero diventare dunque le prime donne giamaicane ai Giochi. La prima ha già partecipato nel 2014 a Sochi sotto la bandiera degli Stati Uniti, finendo 11a nel suo debutto a cinque cerchi insieme alla due volte campionessa iridata di atletica, Lolo Jones, sempre nel bob a due. Nel 2015, Fenlator-Victorian ha annunciato l'intenzione di correre per la Giamaica, nazione da cui proviene il padre, debuttando nel novembre del 2016 con un secondo e terzo posto nella North American Cup. In quello stesso anno, Carrie Russell decise di abbandonare l'atletica per tentare l'avventura nel bob, con risultati piuttosto incoraggianti, facendo coppia proprio con Fenlator-Victorian. La ciliegina sulla torta potrebbero essere i Giochi in Corea del Sud, a cui stanno tentando di accedere anche gli uomini nel bob a due, già qualificati a Sochi 2014, in cui fecero la loro prima apparizione olimpica dal 2002. 

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI
I più visti di oggi