Roland Garros, ufficiale il pubblico: 11.500 spettatori al giorno divisi in tre stadi

Tennis

Il Roland Garros, al via il prossimo 21 settembre, sarà il primo torneo ufficiale con il pubblico dopo il lockdown: via libera all'ingresso quotidiano di 11.500 persone, suddivise fra i tre principali impianti parigi. Annunciata la presenza di Nadal, Djokovic e Barty

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Il Roland Garros, al via il prossimo 21 settembre, non si disputerà a porte chiuse. Ad annunciarlo sono stati gli organizzatori del torneo (la Federazione francese) attraverso un comunicato. Allo Slam potranno partecipare quotidianamente infatti 11.500 persone, divise fra i tre principali stadi del complesso parigino. "Il Roland Garros sarà il primo torneo ad avere il privilegio del pubblico sugli spalti dopo la ripartenza - ha detto Bernard Giudicelli, presidente della FFT in videoconferenza -. La capienza è stata ridotta per poter rispondere all'imperativo di un torneo responsabile e in piena sicurezza". 

Roland Garros, così la divisione del pubblico

A Parigi gli spettatori giornalieri saranno 5mila sui due campi principali, il Philippe-Chatier  e il Suzanne-Lenglen, mentre in 1500 potranno accedere al Simonne-Mathieu. Ci saranno biglietterie, ingressi ed uscite rigorosamente separate, in modo che ogni spettatore non venga in contatto con altri tifosi presenti negli altri impianti. Tutti i giocatori che parteciperanno al torneo saranno testati al loro arrivo a Parigi, poi 72 ore più tardi e dal quel momento ogni cinque giorni. Due hotel saranno dedicati ai giocatori, che dovranno risiedervi obbligatoriamente. Gli stadi saranno disponibili solo nel giorno della partita. Il direttore del torneo, Guy Forget, ha annunciato la presenza di Nadal, Djokovic e Barty.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche