Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
04 gennaio 2010

Via il seno rifatto per vincere le Olimpiadi

print-icon
raw

Dopo due ori ai Mondiali, la Pittman vuole vincere le Olimpiadi. Ad ogni costo

La Pittman, campionessa australiana nei 400 ostacoli, ha deciso di rimuovere le sue protesi al seno per correre più veloce. "Mi è costato 13mila dollari, ma non sopportavo l'idea di poter indebolire la mia nazionale a causa della mia vanità"

COMMENTA NEI FORUM DI SKY

Jana Pittman-Rawlinson, atleta australiana due volte campionessa del mondo sui 400 ostacoli (vinse a Parigi nel 2003 e ad Osaka nel 2007, mentre a Berlino 2009, così come ai Giochi di Pechino 2008, è stata assente per infortunio) ha rimosso le sue protesi al seno perché ritiene che così facendo avrà molte più possibilità di vincere l'oro anche nella gara delle Olimpiadi di Londra 2012.

A rivelare di aver fatto questo sorprendente "passo indietro" è stata la stessa atleta, 27 anni, che ha anche ribadito l'intenzione di sposare di nuovo l'ex marito e manager Chris Rawlinson. Dopo aver speso circa 13mila dollari negli ultimi 14 mesi per interventi di chirurgia plastica, ora la Pittmann fa sapere di essere "tornata piatta come una frittella. Ogni volta che correvo ero presa dal panico - aggiunge nell'intervista pubblicata dalla rivista "Woman's Day" - per il fatto che potevo indebolire la mia nazionale ed il mio paese, e tutto ciò a causa della mia vanità".
L'ostacolista ha spiegato che si era aumentata il petto per un desiderio di maggior femminilità, "perché quando mi guardavo nello specchio non vedevo altro che braccia muscolose, spalle larghe e gambe forti e grandi. Queste sono qualità necessarie per correre bene, ma non fanno certo di me una bella donna", si era lamentata la Pittmann, aggiungendo di "non voler essere come quelle campionesse olimpiche che sembrano uomini".
"Mi piaceva avere il seno più grande, ma sono abbastanza matura per conoscermi, per essere onesta con me stessa quando mi guardo allo specchio - ha detto ancora la campionessa, la cui vita privata finisce regolarmente sulle pagine dei giornali del suo paese -. Non voglio ridurre le possibilità dell'Australia, ma invece voglio sentirmi la più atletica possibile, sapendo che posso arrivare sulla pista di Londra nelle migliori condizioni di forma".

L'australiana non ha comunque escluso di tornare sotto i ferri per re-impiantare il seno finto, una volta abbandonato lo sport agonistico. "In fondo mi rimane sempre la possibilità di migliorare di nuovo i miei seni - ha spiegato - quando avrò finito la mia carriera nell'atletica: so che non ci sono medaglie per essere bella".