Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
18 maggio 2011

Boxe, Leonard choc: a 15 anni un coach abusò di me

print-icon
leo

Sugar Ray Leonard in azione con il "Marvellous" Marvin Hagler

L'ex grandissimo campione, nella sua autobiografia in uscita negli Usa, rivela dettagli scabrosi: che è stato "un famoso allenatore Olimpico di pugilato" e che il fatto successe quando lui era appena un adolescente. LE FOTO: I GRANDI DEL RING

Sfoglia l'Album della boxe

L'ex grandissimo campione Ray Sugar Leonard, primo pugile ad aver vinto cinque Mondiali in altrettante diverse categorie, ha pubblicamente rivelato di essere stato abusato in gioventù dal suo allenatore. Lo ha fatto nella sua autobiografia che sta per uscire negli Stati Uniti, dal titolo "The Big Fight: My Life In and Out the Ring" ("Il grande combattimento: la mia vita dentro e fuori dal ring").

La rivelazione è stata anticipata dal New York Times. Ray Sugar Leonard non rivela in nome di chi gli usò violenza. Si limita a dire che è stato "un famoso allenatore Olimpico di pugilato" e che il fatto successe quando lui aveva 15 anni. Nella autobiografia - riferisce il Nyt - Leonard scrive che quando aveva 15 anni venne accompagnato con un altro giovane pugile a una riunione a Utica (New York). Era il 1971. Il coach volle che loro due facessero il bagno in una tinozza di acqua calda, mentre lui stava a guardarli seduto dall'altra parte del bagno. "Mi venne l'idea che ci fosse qualcosa di inappropriato in tutto ciò" ha scritto Leonard, aggiungendo però che lui e il compagno non si ribellarono perché non volevano mettere in discussione l'autorità di una forte figura maschile.

Anni più tardi, sempre con lo stesso allenatore, Leonard si trovò una sera seduto in auto in un parcheggio deserto di un impianto sportivo. "Prima ancora che me ne accorgessi, lui mi abbassò la cerniera dei pantaloni, ci infilò prima una mano, poi la bocca, lasciandomi una sensazione di vergogna che mi ha tormentato per tutta la vita. Non urlai. Non lo guardai. Mi limitai ad aprire la portiera e a scappare via".