Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
21 gennaio 2012

Sumo, vince la coppa dell'Imperatore: è un estone

print-icon
spo

Kaido Hoovelson, estone di 27 anni, ha vinto la coppa dell'Imperatore. Uno dei trofei più ambiti dagli atleti giapponesi (Foto Getty)

Biondo, 27 anni, un colosso alto quasi 2 metri dal peso di 188 kg. Kaido Hoovelson, con 13 vittorie di fila, è il secondo europeo ad affermarsi nello sport nipponico più tradizionale. I fan lo chiamano il "sumotori" dagli occhi azzuri

FOTO - Scandalo in Giappone: nobiltà (e miserie) dei colossi del Sumo

Kaido Hoovelson, lottatore di sumo con il nome di battaglia di Baruto Kaito (mar Baltico, in giapponese), ha vinto la sua prima Coppa dell'Imperatore nel torneo 'Haru', il primo dell'anno, con addirittura due giornate di anticipo. Baruto, biondo estone di 27 anni, un colosso alto quasi 2 metri dal peso di 188 kg, è il secondo europeo ad affermarsi nello sport nipponico più tradizionale a dai forti contorni di carattere religioso, e a rompere lo strapotere dei lottatori asiatici, soprattutto di quelli mongoli.

Il 'sumotori' dagli occhi azzuri, come è anche chiamato dai fan, è stato promosso lo scorso anno al rango di 'ozeki' (il secondo livello nella scala gerarchica) e deve la sua vittoria alla striscia di 13 vittorie di fila. Il punto decisivo, tuttavia, è maturato a seguito della sconfitta del principale avversario, lo 'yokozuna' (gran campione) mongolo Hakuho, battuto dal gigante bulgaro Kotooshu (Kaloyan Mahlyanov Stefanov, il vero nome), primo europeo a conquistare in assoluto la Coppa dell' Imperatore a maggio del 2008, grazie allo yorikiri, una mossa che prevede il trascinamento di peso fuori dal ring del rivale tendendo sempre la presa a due mani del mawashi, la fascia che circonda il bacino dei sumotori.

Con 10 vittorie e 3 sconfitte, Hakuho ha un ritardo oramai irrecuperabile rispetto a Baruto, con appena due incontri ancora in calendario, uno domani e l'altro domenica, alla Ryogoku Kokugikan, l'arena del sumo di Tokyo. "Sono senza parole e mi batte ancora il cuore per l' emozione", ha ammesso senza mezzi termini il lottatore estone con un filo di voce ai microfoni della tv pubblica Nhk, che trasmette da sempre in diretta tutti i tornei. "Sentivo molto la pressione e vincere questo torneo è quasi un sogno: non nascondo di essere molto emozionato e ora cercherò di onorare il torneo fino alla fine", ha concluso con gli occhi rossi e pieni di lacrime.

Guarda anche:
Il sumo scopre il doping: controlli a sorpresa nel 2009

Commenta la notizia nel Forum degli altri sport