Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
20 febbraio 2012

Sci, anche Putin a Mosca per lo slalom parallelo in città

print-icon
mos

Un manifesto elettorale di Putin nelle vie di Mosca

Parallelo uomini e donne nel cuore di Mosca su una collinetta artificiale di 56 metri di altezza e 180 metri di lunghezza: la coppa del mondo approda nella capitale russa con una gara che è insieme anche manifestazione promozionale in vista di Soci 2014

FOTO - Cristian, nasce una stella nel tempio dello sci - Bufera di neve a Kitzbuehel - Kitzbuehel, l'incubo Streif regina delle discese - Julia Mancuso e le sexy maestre di sci

Slalom parallelo uomini e donne nel cuore di Mosca, su una collinetta artificiale di 56 metri di altezza e 180 metri di lunghezza: la coppa del mondo approda martedì nella capitale russa con una gara che è insieme anche manifestazione promozionale in vista delle Olimpiadi di Soci 2014. Tra il pubblico è atteso anche  anche il presidente Putin.

Quello di mertedì a Mosca, inizio alle ore 17 italiane, doveva essere il secondo parallelo-evento di cdm dopo quello di Monaco di Baviera di inizio gennaio. Ma all'epoca nella città tedesca di neve non ce n'era e venne annullato. Stavolta in pista ci saranno i 30 migliori atleti delle classifiche generali di cdm, 15 uomini e 15 donne. In più, invitati dagli organizzatori, ci saranno uno slalomista ed una slalomista locali.

La gara assegna punti per la sola classifica di cdm: 100 al vincitore scalando sino ai 15 che andranno all'ultimo classificato. Dunque, basta partecipare per incamerare punti. Per questo - ma sembra inverosimile - si era ipotizzata anche la presenza al solo cancelletto del campione croato Ivica Kostelic, assente momentaneamente dalla coppa per un intervento al menisco. Una quindicina di punti non gli farebbero male per tamponare la rincorsa dei sui rivali, lo svizzero Beat Feuz e soprattutto l'austriaco Macel Hirscher che è reduce dalle due vittorie di gigante e speciale di Bansko. Ora Hirscher è a soli 18 punti da Kostelic, 1.025 contro 1.043. Ma Kostelic non ci dovrebbe essere: non è tipo da ricorrere a questi mezzucci e i punti se li vuole conquistare in gare vere, magari quando ritornerà in pista a marzo, a Kranjska Gora.

L'Italia nel parallelo schiera due donne e tre uomini. Sono Daniela Merighetti e Federica Brignone con i trentini Stefano Gross e Cristian Deville oltre all'altoatesino Christof Innerhofer. Oltre ai punti di cdm, in palio ci sono 40 mila Franchi svizzeri per ogni  vincitore, 30 mila al secondo, 20 al terzo e 10 al quarto.