Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
20 maggio 2013

Fun day, la scherma scende in piazza. Errigo-Vio, che sfida!

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

Una giornata speciale, in piazza Duomo a Como, con le due campionesse di fioretto che hanno capitanato squadre di giovani schermidori nel nome dello sport e della solidarietà, sostenendo il progetto "Scherma in carrozzina"

di Valentina Fass

Il tempo incerto, la scelta della location giusta per evitare cambiamenti in caso di pioggia. La domenica della scherma in piazza a Como è iniziata in una fredda e grigia mattina di maggio, ma si è illuminata appena sono arrivati i ragazzi, gli schermidori. Due squadre capitanate da Bebe Vio e Arianna Errigo. Oro alla Coppa del Mondo in Canada la prima, argento e oro a squadre a Londra2012 la seconda. Due volti della scherma italiana che sono letteralmente scese in piazza per promuovere questo sport nel quale l’Italia primeggia, ma che fatica ancora ad avere il giusto seguito.

Art4sport, la Onlus creata dai genitori di Bebe Vio, raccoglie fondi per consentire a ragazzi che hanno subìto o sono nati con delle amputazioni di praticare attività sportiva. Potersi permettere una protesi oppure una carrozzina adatta alla pratica dello sport ha un valore immenso che va oltre quello materiale. Praticare sport per loro significa soprattutto uscire di casa, farsi amici e concentrarsi, come dice il motto paralimpico, su cosa si sa fare e non su cosa non si può fare. Anche Sky collabora a questa iniziativa appoggiando il progetto “Scherma in carrozzina” che ha portato la scherma già in diverse piazze italiane.

Il pubblico di Como, i turisti e non che passavano per Piazza Duomo, hanno seguito con grande entusiasmo gli assalti della mattinata. L’amore per lo sport e l’energia dei ragazzi in gara hanno fatto il resto. Per la cronaca la gara è stata vinta dalla squadra di Bebe per un punto. Una piccola soddisfazione per la giovane Bebe nei confronti della campionessa olimpica Arianna, in attesa di rivedersi ai Mondiali di Budapest dove paralimpici e normodotati gareggeranno insieme.