Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
06 settembre 2013

Bolt vince a Bruxelles. Powell positivo alle controanalisi

print-icon
bol

Usain Bolt chiude la sua stagione con l'ennesimo successo: 9''80 al meeting di Bruxelles (Foto Getty)

Il campione giamaicano conclude la stagione di atletica con un altro successo. Nei 100 metri si è imposto in Diamond League con 9"88. Positività confermata per Asafa e la Simpson

Usain Bolt finisce la sua stagione con un'altra vittoria. Il fenomeno giamaicano si è imposto nella gara dei 100 metri del meeting Van Damme di Bruxelles, valido per la Diamond League Iaaf, correndo in 9"80.

La superstar dello sprint mondiale, come spesso gli capita, non e' stato brillante in avvio, ma poi ha sprigionato la sua potenza  vincendo con il suo secondo miglior tempo dell'anno, dopo il 9"77 con cui ha trionfato nella finale dei Mondiali di Mosca.

"E' stata la mia ultima corsa in questa stagione e ho sfiorato il mio miglior tempo dell'anno: sono contento", ha detto Bolt dopo la gara, in cui cinque atleti hanno corso sotto i dieci secondi. Dietro al campione del mondo e olimpico in carica si sono classificati nell'ordine l'americano Mike Rodgers (9"90), il giamaicano Nesta Carter (9"94), l'americano Justin Gatlin (9"94 anche per lui) e l'altro rappresentante della Giamaica Kemar Bailey-Cole (9"98).

Controanalisi positive per Powell e Simpson
- Gli sprinter giamaicani Asafa Powell e Sherone Simpson sono risultati positivi a un controllo antidoping anche dopo le controanalisi. Il responso del test sul 'campione B' è identico anche per gli altri tre atleti della Giamaica dei quali a luglio era stata resa nota la positività. Lo scrive il quotidiano giamaicano 'Gleaner', lo stesso che, a suo tempo, aveva dato per primo la notizia su Powell. Sia lo stesso Powell, ex primatista mondiale dei 100, che la Simpson, argento olimpico dei 100 a Pechino, avevano spiegato la positività con l'uso di un integratore 'contaminato'. La commissione antidoping della Giamaica (Jadco) ha fatto sapere al giornale che i risultati confermano quelli della prima analisi relativi ai cinque atleti risultati positivi ai campionati nazionali di giugno.