Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
19 dicembre 2013

SOTTOZERO a San Candido: piste da brividi e storie fiabesche

print-icon
san

Il panorama di San Candido dalla pista di SkiCross (Foto Getty)

Dalla leggenda del gigante cattivo (Hauno) contro quello buono (Huno) al tracciato della Croda Rossa (pendenza massima 71 percento): ecco il passato e il presente di San Candido

Le piste
Lo Ski-Carosello Sextner Dolomiten-Alta Pusteria, raggiungibile senza auto grazie al treno dello sci e immerso nelle dolomiti di Sesto, vanta 85 km di piste (estendibili fino a oltre 1200 km con il pass Dolomiti Super Ski) tra sci, snowboard e slittino. Qui si trova la pista più ripida dell'Alto Adige, la Holzriese nell'area sciistica Croda Rossa (pendenza massima 71%). Da provare il Giro delle Cime, 10mila km di dislivello e oltre 30 km tra le zone di Monte Elmo, Croda Rossa, Paso Monte Croce e la veneta Val Comelico.

Le origini

San Candido, Innichen in tedesco, è terra di confine: l'Austria è a un passo, anzi, a volerla dire tutta dal punto di vista geografico ci troviamo già in territorio austriaco: il paese si trova al di là dello spartiacque alpino.
Come centro religioso si sviluppò nel 769 attorno al monastero benedettino - dal 1403 complesso della Collegiata - costruito per convertire gli slavi, allora insediati da queste parti.
San Candido è sovrastata dalla cima dolomitica Rocca dei Baranci, il cui nome in tedesco, Haunold, rimanda alla leggenda del gigante cattivo (Hauno) che razziò la Pusteria e di quello buono (Huno) che la difese, salvo poi essere ucciso dagli abitanti di San Candido a causa delle esorbitanti richieste di cibo.