Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
22 febbraio 2015

SuperG a Mayer che fa bis. Slalom donne, dominio Shiffrin

print-icon
mik

La campionessa del mondo Mikaela Shiffrin in azione

La campionessa mondiale vince lo speciale in Slovenia. Era al comando già dopo la prima manche. Irene Curtoni, la migliore delle azzurre, chiude 14esima. L'austriaco trionfa in cdm a Saalbach, sesto Marsaglia

Lo slalom speciale di cdm di Maribor è stato vinto sotto la pioggia dalla statunitense e campionessa del mondo Mikaela Shiffrin in 1.39.12 davanti alla slovacca Veronika Velez Zuzulova in 1.40.15 ed alla ceca Sarka Strachova, bronzo a Vail/Beaver Creek, in 1.40.17.

Per l'Italia, su tre atlete in classifica finale, la migliore è stata la valtellinese Irene Curtoni, che era 23/a dopo la prima manche, finita 14/a in 1.41.16. E poi Chiara Costazza 16/a in 1.41.28 e Manuela Moelgg 19/a in 1.41.50. Anche oggi pessima giornata sulla pista di casa per la slovena Tina Maze che era finita fuori nel gigante ed finita fuori anche nello speciale. Tina resta al comando con 985 punti nella classifica generale ma l'austriaca Anna Fenninger, che non ha gareggiato in speciale, la tallona a quota 901.

Lo slalom donne prima manche -  La campionessa mondiale Mikaela Shiffrin era stata al comando fermando il cronometro su 48.58, seguita dalla ceca Sarka Strachova in 49.26 e dalla canadese Erin Mielzynski in 49.39. Miglior azzurra dopo la discesa delle prime trenta atlete al via era la trentina Chiara Costazza, 7.a in 49.84. Decisamente più indietro Irene Curtoni in 51.03 e Manuela Moelgg in 51.14.


SuperG a Matthias Mayer -  In 1.31.53, il SuperG di cdm di Saalbach è stato vinto dall'austriaco Matthias Mayer che ha bissato così il successo di sabato in discesa. Secondo il francese Adrien Theaux in 1.31.76 e terzo il norvegese  Kjetil Jansrud in 1.31.80. Per l'Italia  il migliore è stato Matteo Marsaglia 6° in 1.32.19. Più indietro Dominik Paris, che ha attaccato ma ha commesso qualche errore danneggiato dalla scarsa visibilità, 14° in 1.32.76 dopo la discesa dei primi trenta atleti. E poi ancora più in ritardo Peter Fill in 1.33.59 e Werner Heel in 1.35.17. Alla gara ha partecipato anche  il leader della classifica generale Marcel Hirscher per rintuzzare gli attacchi di Jansrud. L'austriaco ha fatto un buon superG confermando così senza problemi il suo primato dopo la trasferta di Saalbach. Si è gareggiato sotto una leggera nevicata con tre gradi sotto zero, con un tracciato estremamente impegnativo. La prossima tappa di coppa del mondo uomini è in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: sabato discesa e domenica slalom gigante.