Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
01 giugno 2016

Boxe, la svolta: i pugili professionisti ai Giochi

print-icon
gua

"Anche i pugili professionisti potranno partecipare alle Olimpiadi di Rio, se si qualificheranno". E' quanto ha deciso a schiacciante maggioranza la Federazione pugilistica internazionale secondo cui "al momento è difficile prevedere quanti lo vorranno fare"

Unanimità con soli quattro astenuti (84 i sì, partecipazione del 95% dei delegati). Questo il risultato della votazione dell'Assemblea Straordinaria dell'International Boxing Association (Aiba), svoltasi a Losanna, con cui è stato emendato l'articolo 13 dello Statuto della stessa, aprendo ufficialmente le porte dei Giochi Olimpici anche ai pugili professionisti. "Decisione irrevocabile - le dichiarazioni all'apertura dei lavori del presidente Ching-Kuo Wu - per permettere al pugilato di seguire il solco tracciato da altri sport come tennis e basket, che da tempo hanno permesso anche ai loro pro di prendere parte alle Olimpiadi".

 

Dal 3 all'8 luglio, in Venezuela, a Vargas, i professionisti intenzionati a gareggiare a Rio si confronteranno in un torneo di Qualificazione, nel quale sfideranno anche i Boxer APB e WSB (26 i pass a disposizione)."Una decisione storica presa unanimemente – ha commentato il presidente Fpi Alberto Brasca, che ha preso parte all'Assemblea odierna - Rio sarà un banco di prova, ma già da Tokyo 2020 le cose dovrebbero sicuramente andare a regime".