Quando a Sanremo c'erano le figu

Altri Sport

Davide Bucco

album_figurine_sanremo

In tre edizioni di Sanremo, a cavallo degli anni Sessanta e Settanta, la Panini decise di stampare un vero e proprio album delle figurine. Tra un Celentano e un Gino Paoli, ogni cantante era schedato sul modello del calciatore. Incredibile ma vero: due partecipanti nella storia del Festival sono stati anche calciatori professionisti

In attesa della finale di questa sera, una storia che arriva direttamente dall’Ariston e che pochi sportivi conoscono. A raccontarla lo storico e saggista Edmondo Anselmi, figura chiave nella storia del Festival della canzone italiana e per lungo tempo collaboratore della Panini. Sì, quella delle figurine. Mentre scava nei suoi ricordi, si emoziona: "Ci furono tre edizioni (1968, 1969, 1972) dove la Panini decise di stampare un vero e proprio album delle figurine". Ebbe subito un buon successo: trecento figurine, proprio della stessa misura e forma di quelle – più famose – dei calciatori, che hanno fatto compagnia a tante generazioni di appassionati.

Meraviglia quindi nel trovare Celentano o la doppia di Gino Paoli, piuttosto che il Pizzaballa dei cantanti, tale Mister Anima. La dedizione e lo studio di Anselmi lo portarono nel 2016 a scrivere – sempre in collaborazione con la Panini – l’Almanacco del Festival. Identico, nella forma e nei contenuti, a quello dei Calciatori che esce ogni anno e che per lungo tempo è stato, ed è, il punto di riferimento per tutti gli appassionati.

E così ogni cantante è schedato sul modello del calciatore, ogni edizione del Festival è rubricata come un campionato di Serie A oppure una competizione europea. Sfogliandolo si scopre tra l’altro che due partecipanti nella storia del Festival sono stati anche calciatori professionisti. Christian – al Festival ad inizi anni 80 - giocò infatti come terzino nella Primavera del Palermo prima di essere ceduto al Mantova dove non passò le visite mediche per un’aritmia cardiaca: un segnale del destino che lo consegnò al mondo della musica. L’altro, più recente, è un figlio d’arte: Francesco Rapetti Mogol, classe 1979 a Sanremo nel 2008, giocò portiere nel Mantova e poi nella Ternana. Fu allenato da Gigi Delneri, che con quella erre lì, avrebbe cantato bene anche sul palco dell’Ariston.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche