"Doing Bradbury", 15 anni fa l’oro più folle

Altri Sport
bradbury_oro_getty

Vincere alla Bradbury. Ormai è un modo comune per definire una vittoria inaspettata e rocambolesca. Il pattinatore australiano più famoso al mondo che vince l’oro olimpico a Salt Lake City. Sembra ieri. In realtà sono passati esattamente 15 anni da quando Steven Bradbury ha regalato al suo Paese la prima e unica medaglia d’oro nello short track. Ve lo ricordate?

D’altronde come dimenticare il trionfo del grande sfavorito, del brutto anatroccolo che sconfigge i giganti dello short track. Già ai quarti di finale è ultimo a un giro dalla fine. Poi, avviene il primo di una serie incredibile di colpi di scena: il giapponese Naoya Tamura cade perché toccato dal canadese Marc Gagnon, che viene quindi squalificato. Bradbury recupera due posizioni e passa il turno insieme al diciannovenne idolo americano Apolo Ohno.

In semifinale si ripete quasi la stessa scena: Bradbury parte ed è già ultimissimo. Due metri lo distaccano dal gruppo di avversari compatto davanti a lui. Poi, nell’ultimo giro cade il sud coreano Kim Dong-Sung e, dopo poco, il canadese Mathieu Turcotte e il cinese Li Jiajun si eliminano a vicenda. L’australiano è in finale dei 1000 metri.

Bellissima favola, che sembra però giunta al capitolo finale: una qualificazione storica senza possibilità di podio. Gli avversari di Bradbury sono dei mostri dello short track, tanto che il telecronista alla partenza commenta: “Ecco l’americano Apolo Ohno, l’idolo di casa (…) si limiterà a vincere o stravincerà?” Insieme a lui Li Jiajun, , il coreano Hyun-Soo Ahn e il ripescato Mathieu Turcotte.

Già dalla spinta iniziale è evidente la differenza di passo dell’australiano, che a due giri dalla fine è completamente staccato dal gruppo. A 20 metri dal traguardo comincia la battaglia per il podio e come in una barzelletta i pattinatori favoriti cadono tutti, uno sull’altro, come i birilli del bowling.

Bradbury assiste allo strike e taglia il traguardo in 1 minuto e 29 secondi. Le braccia al cielo: è oro, uno dei più incredibili nella storia dei Giochi. “La vittoria più bella della mia vita – ha detto l’australiano – un risultato che mi sono meritato dopo anni di sacrifici”. E come dargli torto. Dopo Salt Lake City si è ritirato, all’apice della carriera, e ha iniziato a girare il mondo raccontando la sua storia e presentando il suo libro: “Last man standing”, l’ultimo uomo in piedi.

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche