Europei pattinaggio di figura 2020: Daniel Grassl e Matteo Rizzo tra i primi 5

Altri Sport

Federica Frola

Risultato storico del pattinaggio azzurro: in due sfiorano il podio nella categoria maschile. Alla fine è stata doppietta russa e terzo gradino alla Georgia. È iniziato bene, inoltre, il cammino europeo della coppia di danza Charlène Guignard e Marco Fabbri: terzo podio provvisorio nel programma corto

È un’Italia che sorprende, che emoziona, ma anche che spreca quella del pattinaggio su ghiaccio di figura agli Europei di Graz, in Austria. Il secondo e il terzo posto del podio nella categoria maschile sono lì a due soli punti da Daniel Grassl e a una decina da Matteo Rizzo, che non riesce a confermare il bronzo della scorsa stagione. Gli azzurri sorprendono dall’inizio perché alla rassegna 2020 si sono presentati in tre con il 18enne Gabriele Frangipani vincitore delle ultime due edizioni dei campionati italiani junior al debutto europeo e decimo dopo il programma corto. Un solo errore grave in apertura del free program gli permette di totalizzare il season’s best e chiudere a due punti dai primi 10. L’Italia che emoziona è quella di Daniel Grassl, che ci sta abituando a vederlo ad altissimo livello e su palcoscenici sempre più importanti,  tra i migliori 6 del mondo a Torino, vincendo in back to back il titolo italiano e adesso a soli 17 anni all’Europeo con un Programma libero praticamente perfetto e tre quadrupli. Così Daniel ha sbriciolato il personale nel segmento e ha recupera dall’undicesima posizione del corto per chiudere a un passo dal podio. Quel passo diventato falso per Matteo Rizzo per colpa di una caduta e un’apertura di troppo. Peccato perché solo la prima posizione russo Dmitri Aliev era intoccabile dall’alto del miglior punteggio nel libero e di un overall di 272.89. Alla fine è stata doppietta russa e terzo gradino del podio alla Georgia, e due azzurri tra i primi 5 migliori pattinatori europei: un risultato storico. È iniziato bene il cammino europeo della coppia di danza Charlène Guignard e Marco Fabbri sulla colonna sonora di Grease, con il terzo posto provvisorio alla fine del programma corto, a pochi punti dagli invincibili francesi Gabriella Papadakis- Guillaume Cizeron. Come dicevamo, gli azzurri non smettono di sorprendere ed emozionare.

I più letti