Coni, Malagò: "Elezioni a Milano il 13 maggio 2021"

L'appuntamento

Il rinnovo dei vertici del Coni avverrà lontano da Roma: come annunciato da Giovanni Malagò, le elezioni si terranno il 13 maggio 2021 a Milano al Tennis Club Bonacossa, lo stesso in cui nel 1946 Giulio Onesti, per sottrarre il Coni dalla politica e dai partiti, convocò il consiglio elettivo. Svolta rosa: in Giunta 4 su 13 saranno donne

CORONAVIRUS, NEWS E DATI IN TEMPO REALE

Il presidente del comitato olimpico, Giovanni Malagò, ha fissato l'appuntamento per le elezioni del Coni: si svolgeranno  il 13 maggio 2021 a Milano allo storico Tennis Club Bonacossa, lo stesso in cui nel 1946 Giulio Onesti, per sottrarre il Coni dalla politica e dai partiti, convocò il consiglio elettivo. Tre i motivi che hanno spinto alla decisione: celebrare la data storica, perché quella è l'unica volta in cui il consiglio elettivo non si è tenuto a Roma, il riconoscimento alla Regione che ha più sofferte la pandemia e perchè Milano è città olimpica.

Svolta rosa, in Giunta 4 su 13 saranno donne

Malagò ha annunciato che nella prossima giunta almeno 4 su 13 saranno donne, e non dovranno essere necessariamente presidenti di federazione, perché lo statuto non lo impone. Nel caso di assenza di donne ai vertici federali si andrebbe a pescare tra i dirigenti. Quote blindate anche in consiglio Nazionale: sono 74 i membri, 46 sono di diritto quelli eletti delle federazioni. Invece 28 sono votati in consiglio e dieci devono essere donna: oggi sono 8 e arriveranno così almeno a dieci. Novità anche per gli Enti di promozione, qui uno su cinque dovrà essere al femminile.

Malagò: "Sconfitti pregiudizi su fondi a federazioni"

Riferendo al Consiglio nazionale dell'ultima delibera con cui Sport e Salute ha stabilito la ripartizione dei fondi governativi alle federazioni: "Sono particolarmente orgoglioso del fatto che il Coni abbia votato a favore. Da due anni sono state stabilite regole ingaggio diverse, al 100% sono stati rispettati i criteri del Coni, quelli che qualcuno aveva pensato che io potessi utilizzare per mio interesse, insieme a qualche strana forma di pregiudizio. Abbiamo sbattuto la testa per mesi su quei criteri, erano il più oggettivi possibile. Questa è la più grande sconfitta della politica e dei giudizi che venivano dati sul nostro mondo".

Malagò: "Lettera Bach a Conte, disattese promesse"

In merito ad un sempre più reale rischio di sospensione del Coni da parte del Cio, Malagò ha aggiunto: "C'è una nuova lettera del presidente del Cio Bach al premier dove viene sottolineato che sono state disattese tutte le promesse che Conte fece. L'agenda politica è nebulosa, ve lo dico, la sorte è tracciata e ad oggi non c'è nessuna possibilità che non entriamo in una sanzione internazionale. Rischiamo un danno di immagine clamoroso che ci trascineremo per generazioni".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche