I Crazy Canucks sono tornati?

Sci

Giovanni Bruno

crazy_canucks

Il doppio podio canadese nel Super G maschile dei Mondiali di St. Moritz (oro Guay, bronzo Osborne-Paradis) ha riportato alla mente le imprese di Ken Read, Steve Podborski, Dave Irwin e Dave Murray, soprannominati "the Crazy Canucks"

Quando vedi la foglia d’acero rossa in campo bianco e la vedi sfrecciare prima in un gara veloce fai subito un’associazione con il passato. Erik Guay vince il Super G ma con lui sul podio, al terzo gradino, altro canadese Osborne–Paradis e allora è proprio il caso di ricordare i magici e folcloristici Crazy Canucks, i pazzi canadesi degli anni ‘80. 4 discesisti che alternativamente (se arrivavano al traguardo) salivano sul podio. Non potevi non vederli erano uno spettacolo: rischio e paura. Ken Read, Steve Podborski, Dave Irwin e Dave Murray. Tute gialle che facevano trattenere il fiato al pubblico: sul percorso o a casa davanti al video.

Vincevano tanto come Read e Podborski, di meno Irwin e Murray: gli ultimi due, dotati di meno classe, rischiavano però di più. Soprattutto Irwin, protagonista di paraboliche drive su transennature a Wengen e magistrali recuperi a Garmish. Mentre Murray, il barbuto, si divertiva a fare anche lo skipper nella stagione estiva. Purtroppo una brutta malattia lo ha portato via giovane e a lui è dedicata la pista di Whistler, a Vancouver. Read, figlio del rettore dell’università di Calgary, con il casco bianco e rosso e il numero 10 portafortuna. E Podborski, casco tutto nero e foglia d’acero rossa al centro, avevano come miglior teatro la streif di Kitzbuhel, dove vincevano battendo i grandi austriaci. Dopo di loro altri canadesi si fecero fame di rischiatutto come Todd Broooker, Rob Boyd e Brian Stemmle. Ora è sempre un dovere quando vince un canadese chiudere gli occhi e ripensare ai Crazy Canucks.
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche