La discesa mondiale spiegata da Ghedina e Alphand

Sci

Elisa Calcamuggi

La nostra Elisa Calcamuggi a tu per tu con due grandi campioni del passato. Il più grande discesista azzurro del passato non ha dubbi: "I nostri sono da medaglia, devono solo liberare la testa da condizionamenti esterni"

Le serate a Chalet Italia sono sempre speciali durante i Mondiali. La cucina italiana è apprezzata da tutti quindi atleti e addetti ai lavori si organizzano per riuscire a pranzare o cenare qui almeno un paio di volte durante le due settimane di evento. Ieri sera ho approfittato anche io dell’ospitalità dello Chalet e appena entrata ho incontrato due dei discesisti più conosciuti e apprezzati nella storia dello sci: Luc Alphand e Kristian Ghedina. Alphand lavora per la televisione francese mentre Ghedina è qui per promuovere il Mondiale che la sua Cortina ospiterà nel 2021.

Prima domanda d’obbligo: "Chi vince l’oro in discesa?". Ghedina "Non i francesi!" Alphand ride e commenta: "Forse hai ragione i francesi prediligono piste dure e ghiacciate, però secondo me ci sono 12 atleti che possono vincere. Ci sono Guay e Osborne Paradis, Paris, la squadra austriaca, i norvegesi…sarà una lotta".
Secondo Ghedina la squadra italiana sta bene e non deve farsi condizionare né dalle critiche per la mancata medaglia in Super G né dalle aspettative che ci sono. E’ fondamentale tenere la testa sgombra. La difficoltà è la pista proprio perché è facile rispetto alle discese come Kitz o Bormio. Questo è un pendio più soft, ma se sbagli a interpretare un dosso o una linea butti tutto all’aria. Non c'è possibilità di recupero.

 

La pista - Anche Alphand dice di non essere un estimatore di questa pista: "Le difficoltà che ci sono sono tutte artificiali. E’ difficile creare velocità e mantenerla quindi chi vince sarà sicuramente un campione . Il problema è che se non c’è il sole non vedi nulla e tutto diventa piatto".
"Secondo me - aggiunge Ghedo - il podio della discesa è Jansrud, Paris e al terzo posto Guay”. "Vedremo..secondo me ci sono altri nomi…", aggiunge Alphand.

Duelli passati - Discutono ancora fra di loro. Io approfitto e chiedo a Ghedo se c’è stato un episodio che ricorda particolarmente dei loro duelli. Lui ride e mi racconta che la cosa che gli ha dato più fastidio è stato ricevere da Luc il libro scritto quando ha vinto la Coppa del Mondo di discesa e Super G nel 1995 perché Luc sulla dedica fatta sulla foto scattata il giorno del trionfo ha scritto "grazie per la bella giornata!”, ma per Ghedo era il giorno più triste: era in testa alla Coppa e poi Alphand ha beffato lui, Ortlieb e Assinger. E Kristian è rimasto secondo per 11 punti! Scoppiano a ridere e Alphand spiega: "Sai perché l’ho fatto? Perché tu ai Mondiali di Sierra Nevada hai vinto l’argento davanti a me per 1 centesimo e alla premiazione alla sera ti sei presentato con 1 cent americano e ridendo me lo hai dato sul podio!".

Si abbracciano e continuano a ricordare… come le partenze a Kitz dove l’unico a urlare e parlare era Ghedo perché era felice di partire mentre gli altri erano tutti terrorizzati o quell’altra volta che Ghedo a 30'' dal via a Chamonix si è messo a gridare all’impazzata il nome del suo skiman Mussi che lo ha raggiunto in fretta pensando fosse successo qualcosa e Kristian lo ha guardato e gli ha detto: "Ciao! Volevo salutarti prima di partire!".

 

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche