Il nostro Mario Cotelli, immenso "tennico" della Valanga Azzurra

Sci
Giovanni Bruno

Giovanni Bruno

Un punto di riferimento per lo sci e per gli sport invernali. Ma anche per tutti noi. Burbero e brontolone, ma poi sorridente e casinista. E’ stato precursore ed innovatore, avanti su tutta la linea

Lo dico subito e lo dichiaro, scrivere e raccontare di Mario Cotelli , mi fa commuovere.  Parlare in prima persona non è da me, ma non posso farne a meno, perché per me Mario Cotelli o Cotellone o Bresaola come lo chiamavo era un caro amico. Grandissimo punto di riferimento per quello che ha fatto per lo sci e per gli sport invernali ed anche per tutti noi…con racconti e storie, aneddoti e narrazione per poi passare dal tecnico o tennico, come diceva lui ,alla pura goliardia con un bicchiere di vino in mano e gli immancabili pizzoccheri, quelli veri. Slinzega e bresaola facevano il resto nel conviviale ricordo.

 

Il Mario CT è presto fatto…immenso. Ha costruito con pazienza ed intelligenza quella macchina perfetta della Valanga Azzurra. Certo ha avuto fortuna con i Thoeni, Gros, Pietrogiovanna,  Schmalzl, Stricker, Plank, De Chiesa, Radici e i tanti altri ma li ha plasmati, forgiati, fatti diventare campioni. Un perfetto padre padrone. Burbero e brontolone ma poi sorridente e casinista, primo in tutto. E i suoi ragazzi lo hanno ripagato con immensi trionfi e immani soddisfazioni. L’Italia è diventata una vera potenza dopo il passato dei Colò ha trovato, con Mario al comando, vittorie olimpiche, mondiali, coppe del mondo e mille altri successi che hanno dato alla nostra nazione sciatoria dignità e rispetto in campo internazionale.

 

E’ stato precursore ed innovatore, avanti su tutta la linea, una vero caterpillar anche nelle sedi federali dove portava scompiglio e in certi casi lotte intestine  ed imbarazzo. Ma lui le risolveva con un sorriso ammiccante come a dire: “La so io …altrochè”. Poi il distacco ed una nuova vita da imprenditore, ma soprattutto da grande commentatore e personaggio televisivo nonché firma prestigiosa del Corriere della Sera.

 

Ecco ora viene il difficile e il personale, perché con Mario ne abbiamo fatte tante insieme: dai Giochi Olimpici di Calgary, raccontando un certo Tomba a quelli di Sochi discutendo in Olympic Rooom,  inventando rubriche come Obiettivo Sci per Telecapodistria e Telepiù, oppure scomponendo le immagini per trovare il minimo dettaglio tecnico, pardon tennico. Posso dire che ci ha visto crescere, nell’essere amici ed  allievi. Con me Stefano Vegliani, Guido Meda , Francesco Pierantozzi, Sandro Vidrih, Matteo Pacor e Carlo Vanzini; insieme abbiamo condiviso la sua stima, la grande amicizia. A noi rimane il suo esempio, i suoi ricordi e la sua memoria e il pensiero di aver incontrato una brava persona e tanti momenti che nessuno ci toglierà mai. Ehi bresaola, ti vogliamo bene, io tanto.

Studio Sport, Telecapodistria 1988

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport