Mondiali biathlon, Norvegia oro nella staffetta mista. Nono posto per l'Italia

biathlon
©Getty
biathlon staffetta

Roeiseland e Boe conquistano il primo posto davanti a Germania e Francia. Wierer e Hofer chiudono la prova al nono posto. Dorothea rilancia: "Carica per le ultime gare"

Marte Roeiseland e Johannes Boe hanno regalato il secondo oro alla Norvegia ai Mondiali di biathlon di Anterselva. La coppia scandinava si è imposta nella staffetta

mista singola nonostante un errore in più rispetto alla Germania, che ha conquistato l'argento con la coppia Preuss/Lesser. La medaglia di bronzo è andata alla Francia grazie ad Anais Bescond ed Emilie Jacqueline: con solo quattro errori, i due sono stati i migliori al poligono a pari merito con l'Austria. Giornata non fortunata per l'Italia, in gara con la campionessa Dorothea Wierer e Lukas Hofer che hanno chiuso al nono posto. L'altoatesina ha patito fortemente il pettorale alto (il 13), che l'ha costretta a restare nel gruppo di centro senza grandi possibilità di sorpasso. I primi due poligoni non le hanno sorriso (cinque errori), poi Hofer ha tentato la rimonta riuscendo a risalire fino all'11'esimo posto. Una rimonta che Dorothea per poco non stava completando grazie anche a una prova sugli sci superlativa: il sogno è però svanito nell'ultima serie di tiro della 29enne delle Fiamme Gialle costretta al giro di penalità.

Wierer: "Oggi è andata così, carica per il finale"

"Ci ho provato ma oggi non è andata. Ora torniamo al biathlon tradizionale nelle ultime gare e mi sento carica: voglio provare a fare ancora qualcosa di buono": Dorothea Wierer commenta così il nono posto nella staffetta mista singola ai mondiali di Anterselva e già guarda alle ultime gare della competizione iridata dove ha già conquistato due medaglie d'oro. "Con il numero 13 sono rimasta imbottigliata al primo giro - le parole dell'azzurra -, le avversarie non mi lasciavano passare. Quando sono arrivata al poligono le altre avevano già finito di sparare. Poi è andata un po' meglio nel quarto giro, ma a causa degli errori ho dovuto tirare molto. E' difficile recuperare su questa pista, ma qui bisogna andare a tutta altrimenti non hai chance di riprendere terreno". Guarda al fine settimana con ottimismo Lukas Hofer: "La partenza con il pettorale alto ci ha condizionato molto, la parte del tracciato nel bosco è molto stretta, lì è difficile sorpassare - spiega - Sugli sci siamo comunque stati entrambi bravi, il merito va anche ai materiali che abbiamo e di conseguenza ai nostri skiman. Purtroppo in questa tipologia di gara funziona così: o vai benissimo o vai malissimo. Ora sarà importante recuperare energie in vista dei due giorni finali: ho fiducia, possiamo chiudere bene questi Mondiali in casa".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.