user
30 aprile 2018

Volvo Ocean Race, la flotta supera la linea dell'Equatore per l'ultima volta

print-icon

Vestas 11th Hour Racing ha guidato la flotta della Volvo Ocean Race oltre la linea dell'Equatore, passato per la quarta e ultima volta

VOLVO OCEAN RACE: L'OTTAVA TAPPA

Dopo poco più di una settimana dalla partenza dell'ottava tappa - che porterà la flotta della Volvo Ocean Race da Itajaí a Newport - il team Vestas ha tagliato per primo la linea immaginaria degli 0 gradi nord, seguito da team Brunel e Turn the Tide on Plastic. MAPFRE, Dongfeng Race Team e team AkzoNobel hanno fatto lo stesso poco dopo. Gli equipaggi hanno attraversato l'Equatore e gestito i Doldrum (la zona delle calme equatoriali) per l'ultima volta, dato che le prossime tre tappe del giro del mondo si svolgeranno tutte nell'emisfero settentrionale.

"Siamo nei temuti Doldrum per la quarta e ultima volta in questa edizione"- ha detto lo skipper di Dongfeng Charles Caudrelier - "Passare così a ovest di solito non è così dura, ma oggi la zona di calma è molto estesa e penso ci saranno dei cambiamenti nelle prossime 24 ore. Per noi ogni report delle posizioni è una fonte di stress, a questo punto della regata. Ci potrebbero essere sorprese piacevoli o spiacevoli. Stiamo lavorando con le nuvole, portandoci a ovest della flotta, sperando in più aria. Per il momento siamo distanti dai leader e siamo un po' dispiaciuti, ma forse domani sarà un'altra storia".

A bordo di Turn the Tide on Plastic, ora terzo, la skipper Dee Caffari ha dichiarato di divertirsi nella lotta con Vestas 11th Hour Racing e team Brunel, con le tre barche separate da sole sei miglia. Tuttavia, la britannica ha identificato un nuovo ostacolo: "Sembra che sia una battaglia a tre. La brutta notizia di oggi è che abbiamo avvistato la prima zona di sargassi. Vedremo se sarà la nuova sfida da superare dopo i Doldrum".

Intanto, gli spagnoli di MAPFRE hanno dovuto gestire un problema all'impatto elettrico che li ha temporaneamente lasciati senza energia a bordo. Ora la barca rossa è tornata a navigare a piena velocità, dopo che l'equipaggio ha sostituito un componente della batteria principale. Il team, però, non ha la possibilità di gestire il sistema di regolazione della chiglia dalla coperta, un'operazione che può essere fatta solo sottocoperta. Essendo sceso a quasi 70 miglia dai primi, Scallywag sta cercando di tenere il passo degli avversari. In ogni caso, quando mancano ancora 3.000 delle 5.600 miglia teoriche per Newport, l'umore a bordo resta positivo. "Siamo un po' persi ed è solo colpa nostra, ma ci sono ancora molte miglia e potrebbero esserci delle situazioni meteo diverse. Non siamo tagliati fuori dai giochi, poco ma sicuro" - ha spiegato Luke Parkinson dalla barca di Hong Kong - "A oggi sembra che ci si giocherà tutto negli ultimi tre giorni, sia per il primo che per l'ultimo posto. Dobbiamo continuare a spingere fino a quel punto, essere freschi e pronti per ogni opportunità".

Volvo Ocean Race 2017-2018: tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi