Turchia: rete Gulen, 6 calciatori rischiano fino a 15 anni di carcere

Calcio
Omer Catkic in una foto del 28 giugno 2003: 15 anni fa difendeva i pali della Turchia con la fascia da capitano al braccio. Oggi è in carcere (Getty)
omer_catkic_getty

Sono sei i calciatori turchi a rischiare pene fino ai 15 anni di carcere, in seguito a indagini legate al golpe fallito il 15 luglio 2016. Tra questi l'ex portiere della Nazionale Omer Catkic, che figurava tra i convocati ai mondiali del 2002 in cui la Turchia conquistò il bronzo. L'accusa è di essere membri dell'organizzazione Feto, guidata da Fetullah Gulen, imam e finanziere residente negli Usa ritenuto la mente del golpe

Alla vigilia dei mondiali in Russia, che la Turchia guarderà da casa in seguito alla mancata qualificazione, sono sei i calciatori turchi a rischiare pene fino ai 15 anni di carcere, in seguito a indagini legate al golpe fallito il 15 luglio 2016. L'accusa nei confronti del calciatori, molti dei quali hanno indossato la casacca della nazionale, è di essere membri dell'organizzazione Feto, guidata da Fetullah Gulen, imam e finanziere residente negli Usa ritenuto la mente del golpe. Un'accusa che potrebbe costargli dai 7 anni e mezzo ai 15 anni di detenzione.
Sul banco degli imputati vi sono quattro ex nazionali : Omer Catkic e Ugur Boral, due degli eroi della campagna che portò alla conquista di uno storico terzo posto ai mondiali del 2002, Bekir Irtegun e Zafer Biryol. Al momento sono in carcere Catkic e Biryol, mentre gli altri sono sottoposti a controllo giudiziario e possono anche calcare i campi di calcio. Un processo a parte riguarda l'ex stella del Galatasaray e della nazionale Hakan Sukur, con trascorsi nell'Inter, nel Parma e nel Torino, autoesiliatosi negli Usa, dopo che nei suoi confronti era stato spiccato un mandato d'arresto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche